Ang Lee merita più rispetto per l'ambizioso esperimento digitale di 'Gemini Man'

Ang lee



Rob Latour / Varietà / Shutterstock

Ang Lee era in preparazione su 'Hulk' quando sentì la pressione di abbandonare il film e girare per la prima volta in digitale, ma gli ci sarebbe voluto un decennio per convertirsi. In quegli anni, quando Hollywood è passata alla cinematografia digitale, Lee ha resistito - non diversamente dal collega apparecchio di Hollywood Christopher Nolan - arrivando al punto di evitare persino il processo intermedio digitale (DI) che era diventato una pratica standard di post-produzione. Dal punto di vista di Lee, c'è stato un gioco di prestigio nell'industria cinematografica che continua ancora oggi.



'Stanno cercando di rendere il digitale un film', ha detto Lee durante un'intervista estesa a IndieWire questa settimana. 'Sono media diversi con percezione diversa, requisiti diversi. Il digitale non vuole essere un film, vuole essere qualcos'altro. Penso che dobbiamo superarlo e scoprire di cosa si tratta. '



Con “; Gemini Man, ”; Lee ha fatto il suo secondo tentativo di scattare con un frame rate elevato (HFR), usando un formato digitale 3D. Il film, che arriverà domani nei cinema, non si adatta bene a molti critici, che chiedono apertamente all'autore di abbandonare la sua ricerca donchisciottesca di un nuovo tipo di cinema. Alcuni profili dipingono il regista 64enne come una figura isolata alla ricerca di rilevanza e suggeriscono persino che il due volte vincitore del premio Oscar sia diventato disperato. Eppure, nonostante tutta la discussione negativa che circonda il film, poco si concentra su ciò che Lee sta effettivamente cercando di fare, o anche su ciò che ha effettivamente realizzato.

Nonostante tutti i suoi difetti, 'Gemini Man' è un grande passo avanti rispetto al primo sforzo 3D di HFR di Lee, 'Billy Lynn's Halftime Walk', e dimostra che sta facendo progressi reali verso quella che lui chiama 'la promessa del cinema digitale'. Non c'è ancora - ma c'è un'autenticità nel suo viaggio che merita più rispetto.

I critici di Lee non riescono a capire perché l'uomo che ha creato la poesia cinematografica di 'Tigre accovacciata, drago nascosto' e catturato il desiderio doloroso del cowboy di Heath Ledger in 'Brokeback Mountain', abbia scambiato la magia di 24 fotogrammi al secondo (FPS) di film per l'aspetto iperrealista che distrae di HFR. Lee ha detto di sapere da dove proviene il contraccolpo: il cinema HFR può sembrare brutto ed essere spiacevole agli occhi. Ma questo è esattamente il problema che sta cercando di risolvere. Come ripeteva spesso al suo detto al suo equipaggio di 'Gemini Man', 'non ci sono media cattivi, ci sono solo artisti cattivi'.

'Il film è diventato così bello perché per oltre cento anni, genio dopo genio, artigiano dopo artigiano, anni di feedback del pubblico, è diventato davvero sofisticato', ha detto Lee. “Credo solo che ci sia una bellezza molto diversa, un sogno nel digitale. Sto cercando di trovarlo. '

Game of Thrones stagione 7 ep 6 spoiler

“Gemini Man”: Ang Lee e Will Smith

Lee è stato costretto a girare per la prima volta in digitale quando voleva sperimentare il 3D per 'Life of Pi' del 2012. Nonostante abbia vinto l'Oscar come miglior regista per il suo lavoro, ha lottato con il 3D. Era costantemente frustrato dalla mancanza di informazioni e dalla luce stroboscopica di 24 fotogrammi al secondo che rendevano difficile vedere la profondità del fotogramma. Si rese anche conto di non avere idea di come mettere in scena o girare scene in profondità volumetrica. Nel processo, il regista è diventato profondamente consapevole di quanto gli obiettivi cinematografici limitassero la profondità della percezione dello spettatore e, più profondamente, come la sua scelta dell'obiettivo fosse diventata di seconda natura, un componente della sua padronanza del linguaggio cinematografico.

kevin spacey star trek

Quando si parla della profondità del cinema in 3D, 'non sappiamo esattamente come equipararlo alla tua espressione, alla tua emozione', ha detto Lee. “Con gli obiettivi [film], posso dirti come farlo, quale obiettivo fa cosa, a quale distanza e come muovi la tua messa a fuoco. Lo conoscevo molto bene. '

Per compensare 'Pi', Lee ha detto che a volte limitava intenzionalmente la profondità possibile in 3D. Per la prima volta nella sua carriera, non era sicuro di come inquadrare i colpi per evocare l'emozione desiderata. Ma quella mancanza di familiarità lo ha incuriosito, soprattutto quando ha visto i dettagli nitidi e la profondità del 3D quando combinato con un frame rate più elevato. Questa è stata la prima volta che ha iniziato a considerare il potenziale del cinema digitale che continua con il suo ultimo lavoro.

'Vita di Pi'

Haishang / Kobal / REX / Shutterstock

Cominciò a chiedersi se poteva esprimere concetti ultraterreni attraverso immagini iperreali. 'Nella vita dobbiamo essere più acuti, perché dobbiamo fare aggiustamenti in modo da poter sopravvivere', ha detto Lee. “Dobbiamo essere più nitidi da rilevare in modo diverso rispetto alla visione di un film da sogno. Quindi una volta che sei in quel posto, puoi fare arte? Puoi sognare? Tutte quelle domande mi sono venute in mente. '

La cosa esatta che la gente odia dell'HFR, quel dettaglio in più, l'iper-realtà, è ciò che Lee ha cercato di esplorare e sfruttare negli ultimi cinque anni, e 'Gemini Man' mostra che ha fatto qualche progresso. In una scena iniziale, mentre Henry Brogan (Will Smith) va a letto, la cinepresa è accanto al letto, il nostro eroe riposa in primo piano, ma attraverso la finestra e in profondità sullo sfondo vediamo un gruppo di assassini entrare in cornice e circondare casa sua. La rivelazione visiva è chiara ed emotivamente stridente come qualsiasi taglio; è uno scatto magistrale che dimostra quanto Lee sia arrivato da 'Billy Lynn'.

Nel negoziare il dramma di prestigio di Billy Lynn per un film d'azione di Jerry Bruckheimer - così come il primo personaggio umano completamente digitale creato da Hollywood, un giovane clone di Will Smith - il regista di 'Gemini' ha trovato una scusa basata sulla trama per inserire più dettagli nel riquadro. Il genere d'azione prepara gli spettatori ad aspettarsi l'inaspettato, che ha dato a Lee la scusa per esplorare come il mezzo 3D HFR offre allo spettatore una percezione più nitida dell'ambiente circostante. Oltre a proiettare scene contro paesaggi profondi, a perdita d'occhio - con un enorme aiuto dalla straordinaria cinematografia diurna e notturna di Dion Beebe - 'Gemini Man' è al suo meglio quando gioca secondo le nostre capacità per vedere i dettagli non siamo in grado di elaborare in una scena d'azione a 24 FPS.

In una prima sequenza che introduce Junior (una creazione basata su motion capture WETA), un clone di Will Smith di 23 anni dà la caccia a 51 anni di Will Smith in un inseguimento in moto. Oltre alle normali acrobazie e al gioco delle armi, ci concentriamo sulla meccanica e sulla strategia dell'inseguimento. È emozionante vedere come Junior cambia il caricatore di pistola mentre guida con una mano su una diga, mentre in primo piano il suo avversario più anziano naviga sulla strada, cercando di sfuggire al suo assassino. Lee altera le tradizionali composizioni d'azione per permetterci di vedere tali dettagli, la fotocamera spesso posizionata frontalmente anziché catturare il movimento laterale attraverso la cornice.

'Gemini Man'

immagine dello schermo

In un altro scontro tra i due Smith, una scena di combattimento corpo a corpo di quattro minuti ambientata in una catacomba illuminata da una torcia, vediamo dettagli che colpiscono per una mischia caotica. Le espressioni facciali di entrambi gli uomini sono visibili senza alcun taglio o riformulazione. Invece di una serie di immagini che mostrano corpi rotolanti e pugni lanciati, che si confondono tutti insieme in 24 FPS, si possono chiaramente discernere la meccanica della lotta insieme all'intenzione, alla strategia e all'emozione dei personaggi - ciò che Lee definisce ' il calcio in più ”necessario per far funzionare il cinema digitale. Lee crede che lo spettatore desideri più informazioni e dettagli consentiti dal cinema digitale.

jason momoa elfo sullo scaffale

“; elabori HFR 3D in modo diverso, lo elabori come nella vita reale, ”; disse Lee. “; Quando lo fai, il requisito è il dettaglio. Il modo in cui lo scannerizzi e lo metti in testa è in realtà abbastanza diverso e puoi essere più coinvolgente, hai una maggiore gamma della lingua e, una volta entrato in quello, questo è ciò che il digitale ti promette. ”;

'Gemini Man' viene fuori quando si basa sui trucchi di un normale film d'azione, dimostrando la convinzione di Lee che pochissimo del cinema 2D si traduce in questo mezzo. Lee è interessato a qualcosa sul potenziale per i nostri occhi che sono in grado di vagare all'interno di una cornice compatta, ma non ha ancora abbinato la sua estetica digitale al materiale giusto.

'Devi stimolarlo, devi accenderlo, trovare il contrasto in un modo diverso per farci pensare che sia carino', ha detto Lee. 'Questo è quello che sto cercando di scoprire. È solo l'inizio. Ne sono solo consapevole, non so ancora come farlo. '



Prima della produzione, il direttore della fotografia Beebe ha inviato a Lee una foto di una delle telecamere utilizzate nei primi film sonori di Hollywood. L'enorme, ingombrante apparato ricordava l'imbarazzante squadra di Bebe con due lenti da 72 libbre, che doveva operare. La foto è stata anche un promemoria di ciò che è accaduto a Hollywood tra la fine degli anni '20 e l'inizio degli anni '30: la tarda era silenziosa includeva alcuni dei film più lirici mai realizzati, ma ha chiuso il momento in cui è arrivato il suono, mentre i meccanici cercavano di registrare passabili il dialogo di sincronizzazione costipava tutto, dalle esibizioni al movimento della telecamera: Il suono ha ucciso la qualità onirica del cinema muto, non dissimile dal modo in cui i 120 FPS di Lee possono sentire un pubblico moderno.

Potrebbe essere impossibile convincere il pubblico ad accettare 120 FPS come esperienza di cinema. Allo stesso tempo, 'Gemini Man' tocca nuove possibilità che non possono essere facilmente scartate. Mentre 24 FPS sono stati perfezionati in oltre 100 anni, 120 FPS è un approccio nascente che Lee ha appena iniziato a esplorare e altri creatori alla fine seguiranno l'esempio. 'Credo che diventerà sempre più facile', ha detto Lee. “Consuma molta della tua energia. Il povero equipaggio deve lavorare 10 volte di più perché non sia nemmeno bello, ma lo stiamo ancora facendo perché quando trovi qualcosa di nuovo, qualcosa di fresco, l'adrenalina è davvero alta. Questa è la ricompensa. '

colonna sonora della ballata di buster scruggs

Lee rimane convinto che l'industria stia per sbloccare i misteri estetici dell'HFR 3D, ma si sente in qualche modo isolato dai suoi esperimenti. 'La cosa più dolorosa per me è la mancanza di feedback', ha detto Lee. “Le riprese sono solo l'inizio del processo. Fai una provocazione e poi c'è un feedback, comunichi con altre persone. Senza l'esperienza di proiezione, senza altri film, senza cultura, non hai feedback. Puoi fare tutto quello che vuoi, ma cosa hai imparato? ”

'Avatar'

Twentieth Century-Fox Film Corporation / Kobal / REX / Shutterstock

Tuttavia, 'Gemini Man' viene ricevuto, non segnerà la fine di HFR 3D - non con James Cameron che gira i quattro film 'Avatar' in arrivo sullo stesso supporto. Lee crede che il Cameron 'molto più tecnico' possa fare progressi ancora più grandi, e ha ammesso di non essere sicuro di come sarebbe stato il futuro del mezzo.

“; Non voglio credere che non ci sia speranza nel cinema digitale perché sembra reale e non possiamo guardare film in quel modo ”; disse Lee. “; Penso che devi solo essere bravo in questo. ”;

Paramount rilascia 'Gemini Man' a livello nazionale l'11 ottobre 2019.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers