Boots Riley chiama 'Hollywood' di Tarantino per non aver interpretato la famiglia Manson come Supremacisti bianchi

“C'era una volta a Hollywood”



Sony Pictures

[Nota del redattore: l'esclusiva dichiarazione di follow-up di Boots Riley su IndieWire è stata aggiunta in fondo al post]

Boots Riley, sceneggiatore e regista di 'Sorry to Bother You', è tornato su Twitter dopo una pausa di quasi tre mesi per condividere una critica che ha avuto con la rappresentazione di Quentin Tarantino dei membri del culto della famiglia Manson in 'C'era una volta a Hollywood'. Attori come Dakota Fanning, Austin Butler, Maya Hawke e Lena Dunham recitano nel film come seguaci di Manson, molte delle quali basate su persone reali. Riley ha contestato la sceneggiatura di Tarantino per aver raffigurato i membri del culto come hippy con credenze liberali e per nulla a che fare con il loro razzismo e le loro opinioni di destra.

'La famiglia Manson erano palesi suprematisti bianchi che cercavano di iniziare una guerra razziale con l'obiettivo di uccidere i neri', scrisse Riley ai suoi seguaci. 'Non erano' hippy 'che esprimevano critiche a sinistra sui media. Erano destrieri. Questo fatto ribalta l'allegoria di Tarantino in testa. '

La scena di 'C'era una volta a Hollywood' a cui Riley sembra riferirsi si svolge proprio prima che i seguaci di Manson irrompano nella casa di Rick Dalton. Rick (Leonardo DiCaprio) ha ottenuto con successo Tex Watson (Butler), Susan Atkins (Mikey Madison), Linda Kasabian (Hawke) e Patricia Krenwinkel (Madisen Beaty) da Cielo Drive, impedendo così l'omicidio di Sharon Tate (Margot Robbie). I seguaci di Manson concordano di tornare indietro e uccidere Rick dopo aver realizzato di essere l'attore che ha interpretato Jake Cahill nello show televisivo 'Bounty Law'. Dopo aver spiegato al gruppo come la loro generazione è cresciuta in programmi televisivi ossessionati dall'omicidio, Atkins dice al gruppo, “; La mia idea è di uccidere le persone che ci hanno insegnato a uccidere. '

Secondo Boots, la dichiarazione di Atkins come scritta da Tarantino descrive falsamente i valori reali dei membri del culto della famiglia Manson nella vita reale. Le critiche di Boots sono tutt'altro che le prime reazioni che Tarantino ha ricevuto per aver distorto gli eventi di 'Hollywood'. La rappresentazione del regista di Bruce Lee (Mike Moh) è diventata un punto particolarmente controverso di controversie nelle settimane successive all'uscita del film. La figlia di Bruce Lee, Shannon, ha condannato Tarantino per aver interpretato la leggenda delle arti marziali come uno stronzo arrogante che era pieno di aria calda, ”; mentre il protettore Dan Inosanto di Lee ha dichiarato che il film non ha interpretato con precisione la star dell'azione tardiva.

'Once Upon a Time in Hollywood' è ora in scena nei cinema. IndieWire ha contattato Boots Riley per ulteriori commenti, a cui ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Non sto dicendo che deve essere storicamente accurato, solo che la differenza cambia il significato reale del film. Come quando Cowboy Cliff Booth li ha incontrati e ha sentito la famiglia Manson parlare di 'i negri sono selvaggi e prenderanno il controllo', potrebbe aver sentito una parentela. In realtà adoro Tarantino come regista e di solito vado a vedere i suoi film circa due volte alla volta, con più visualizzazioni in seguito. Una correzione è che ho detto che volevano una guerra razziale per uccidere i neri, ma in realtà volevano che finisse con i neri per essere schiavizzati da loro. Le cose di coppia che hanno detto per sembrare 'controcultura' sono state dette mentre erano sotto processo e lo usavano per ottenere simpatia. I meteorologi hanno detto cose a loro sostegno mentre erano sotto processo, che hanno chiarito come sarcastici e portati fuori dal contesto che li avrebbe mostrati come sarcastici.

tagliare il film del serpente

Inoltre, questo non significa che non mi sia piaciuto il film separatamente da quello.

Grandi spettacoli e ho apprezzato la struttura non ortodossa. Ci sono altre cose da dire su quel film, come in qualsiasi altro film, ma questo è tanto in fondo alla tana del coniglio quanto voglio andare.

Manson era in giro con repubblicani come i Beach Boys e razzisti come gli Hells Angels - non era affatto di sinistra.

Ma ancora una volta, la domanda riguarda davvero quale sia la differenza nel significato della storia rispetto a questi fatti.

Re Once Upon A Time In Hollywood:

La famiglia Manson erano palesi suprematisti bianchi che cercavano di iniziare una guerra razziale con l'obiettivo di uccidere gente nera.

Non erano 'hippy' che esprimevano critiche a sinistra sui media. Erano destrieri.

Questo fatto ribalta l'allegoria di Tarantino in testa.

- Boots Riley (@BootsRiley) 24 agosto 2019



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers