Catherine Breillat afferma che Abdellatif Kechiche ha speso 'scene troppo lunghe' riprese 'Blue Is the Warmest Color'

Maria Laura Antonelli / REX / Shutterstock



Mai estraneo alle controversie, la regista di “Fat Girl” Catherine Breillat ha fatto alcune osservazioni provocatorie durante una recente intervista a Variety in vista del suo nuovo ruolo di capo della giuria del Locarno Film Festival. L'intervista copre una gamma di argomenti, con Breillat che tocca tutto, dal regista tunisino-francese Abdellatif Kechiche al disonorevole crociato #MeToo Asia Argento, con il quale Breillat ha lavorato nel film 'L'ultima padrona' del 2007.

Breillat ha affermato di ritenere che Kechiche, il cui film di Cannes del 2019 'Mektoub, My Love: Intermezzo' ha sconvolto il pubblico con la sua grafica e alcuni dicono rappresentazioni misogine di sesso e nudità, ha esagerato con le scene di sesso nella storia d'amore lesbica del 2013 secondo NC-17 ' Blu è il colore più caldo.'



“Beh, penso che Kechiche abbia passato troppo tempo a girare quella scena di sesso. L'ha girato per due settimane, mentre lo avrei fatto in un giorno ', ha detto Breillait. “Non puoi mettere le attrici in quella posizione per 15 giorni. Ho sempre girato scene del genere molto rapidamente, perché essere in una situazione esposta come quella per 15 giorni può far sentire un'attrice come una prostituta. Quindi capisco perché erano arrabbiati. '



Le star di 'Blue Is the Warmest Colour' Adèle Exarchopoulos e Léa Seydoux hanno entrambi parlato del loro regista da allora, nonostante tre di loro condividano il Palme d'Or di Cannes nel 2013.

Breillat ha continuato dicendo: 'In ogni caso, un regista è per definizione un manipolatore. Una volta che inizi a girare un film, ti isola da tutto il resto del mondo. ”I film intensi e inquietanti di Breillat sono stati già citati, dalle sequenze grafiche di stupro in“ Fat Girl ”a tutto ciò che accade tra un esibizionista ninfomane e un omosessuale in 'Anatomy of Hell'.

Parlando di Argento, che si è scagliato contro Breillat l'anno scorso per i suoi insoliti metodi di regia, il cineasta francese ha detto: 'Ammiro molto l'Asia come attrice e la trovo spaventosa come persona'. Breillat ha anche parlato di un podcast del 2018 che l'ha lanciata in una sfortunata luce per quanto riguarda le osservazioni su Argento. 'Oltre a chiarire il disprezzo personale che ho provato a lavorare con lei, non volevo entrare in lei [accuse contro Weinstein.] Tuttavia, penso che sia un'attrice formidabile e carismatica', ha detto Breillat.

Nella primavera del 2018, Argento ha risposto a Breillat, definendola il regista più sadico e disumano ”; lei ha mai lavorato. La cineasta parigina non ha avuto un progetto cinematografico da 'Abuse of Weakness' del 2013, interpretato da Isabelle Huppert.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers