I critici scelgono la loro serie di antologie preferita di sempre

'The Twilight Zone'



CBS

Ogni settimana, IndieWire pone una manciata selezionata di critici televisivi a due domande e pubblica i risultati martedì. (La risposta al secondo, 'Qual è il miglior programma attualmente in TV?' Si trova alla fine di questo post.)



La domanda di questa settimana: Qual è la tua serie di antologie preferita di tutti i tempi? Perché?



Marisa Roffman (@marisaroffman), Give Me My Remote

Devo andare con l'originale 'Twilight Zone', perché è sorprendente ciò che lo spettacolo è stato in grado di fare. Una delle cose più belle della televisione è seguire i personaggi in un lungo viaggio, ma la maggior parte dei migliori episodi di “Twilight” sono stati conclusi in meno di 30 minuti. Questa è una trama / personaggio / introduzione mondiale, una storia e una svolta / risoluzione in circa la metà della lunghezza di un episodio drammatico del 2019.

Rimane anche l'unico spettacolo che sono contento di guardare fuori servizio (un normale no-no per me) e l'unica serie che cerco di non cercare tramite i servizi di streaming. Tendo a risucchiarmi durante le maratone di Syfy durante le vacanze, ed è sempre una delizia quando compare un nuovo episodio (per me).

programmi tv per ragazzi di 12 anni

(Inoltre, anche se non hai mai visto un episodio di nessuna versione di 'Twilight Zone', se consumi la cultura pop, non c'è praticamente modo di perdere qualcosa ispirato da esso.)

April Neale (@aprilmac), Mostri e Critici

Attualmente 'The Terror: Infamy' su AMC è all'altezza dell'eccellenza della prima stagione della scorsa estate con Ciaran Hinds e Jared Harris, i capitani di due navi britanniche condannate bloccate nelle banchise artiche. L'attenzione di questa stagione ai campi di internamento giapponese-americani e avere George Takei (ha camminato nel fuoco come un bambino di cinque anni) come consulente e attore che interpreta un anziano con una grande storia di pesci è stato brillante e il tempismo perfetto per ovvie ragioni . Incorporare elementi horror giapponesi stratificati sui crimini della vita reale contro l'umanità ci dà agli spettatori i brividi enormi quando ne abbiamo bisogno in questi implacabili giorni di cane di agosto.

La mia scelta passata è puramente sentimentale, in quanto passare ogni venerdì sera con i miei due figli a guardare tutti insieme 'Tales from the Crypt' della HBO è un ricordo prezioso. Questa serie di antologie si è svolta dal 1989 al 1996 con il ridacchiante Crypt-Keeper (John Kassir ha doppiato lui) e dalla musica di apertura alla fine i titoli di coda sono stati brillanti, pieni di una vasta gamma di attori e creativi di A-lister dietro le quinte. Popcorn, coperte sotto cui nascondersi durante i pezzi più spaventosi ... Mi manca ancora.

Derek Mio in 'Il terrore: infamia'

Ed Araquel / AMC

Alan Sepinwall (@sepinwall), Rolling Stone

Come definiamo esattamente 'antologia'? Uno spettacolo che racconta una nuova storia con nuovi personaggi ogni stagione? In tal caso, è probabilmente 'Fargo', anche se ho avuto problemi con la terza stagione. Uno spettacolo che racconta una nuova storia con nuovi personaggi ogni episodio? Questa è quasi sicuramente la 'Twilight Zone' originale, ma estenderò la definizione e andrò con 'Salto quantico'. Sì, quello show aveva personaggi in corso nel viaggiatore nel tempo Sam e il suo consulente olografico Al, e una storia in corso una sorta di sorta nel desiderio di Sam di tornare a casa. Principalmente, tuttavia, si trattava di un'antologia invisibile, con una nuova serie di personaggi ogni settimana - uno di loro è sempre stato interpretato da Scott Bakula nei panni di Sam, che abita nel corpo di un autista nero o di una regina della bellezza o di uno scimpanzé della NASA - e un nuovo genere. Potrebbe fare narrativa poliziesca, commedia domestica, teatro musicale e altro ancora. E poiché ha sempre avuto Bakula e Dean Stockwell lì, ha attirato il pubblico di settimana in settimana, indipendentemente dal loro interesse per questa particolare impostazione, genere o gruppo di nuove persone. Il meglio di tutti i mondi TV possibili.

Emily VanDerWerff (@tvoti), Vox

La risposta, ovviamente, è 'The Twilight Zone', ma sembra troppo facile, motivo per cui parlerò un po 'di 'Playhouse 90'. È uno spettacolo di cui non ho visto molto - molto di esso non è mai stato commercialmente disponibile, a causa della scarsa qualità delle immagini di troppe cose TV in anticipo - ma la manciata di episodi che ho visto dalle sue quattro stagioni (che vanno dal 1956 al 1960) sono meravigliosamente eclettici, che vanno dalle storie per bambini che bruciavano drammi sociali per commedie gloriosamente divertenti. L'idea dello spettacolo, espressa nel suo titolo, era che ogni episodio durava 90 minuti, una prospettiva scoraggiante anche in quei giorni di produzioni televisive più incline al teatro. Ma ragazzo mi piacerebbe vedere qualche intraprendente rete di trasmissione ravvivare questo spettacolo, almeno nello spirito. Una nuova storia da palcoscenico ogni settimana, su intervalli di 90 minuti? Sarebbe stupendo.

Kirsten Dunst, 'Fargo'

FX

Alec Bojalad (@alecbojalad, Den of Geek

Sono tentato di andare con Netflix con il nome dubbioso di The Haunting of … ”; serie anche se finora si trova in una sola puntata. Ma per quanto ho adorato 'Hill House', ho ancora bisogno di vedere come 'Bly Manor' e altre puntate future vanno fuori. 'Black Mirror' sembra anche un buon candidato, anche se non so come mi sento riguardo alla sua 'antologia'. status - se non altro è più una serie di film di fantascienza.

Questo lascia 'Fargo' di Noah Hawley come la mia risposta definitiva. Le tre stagioni di 'Fargo' sono variate un po 'in termini di qualità, ma in un certo senso sono solo un esempio ancora migliore di un'antologia fatta bene. All'interno del formato antologico, alcune stagioni saranno migliori (come la seconda stagione) e altre saranno peggiori (terza stagione). L'importante, tuttavia, è che ogni puntata sia unita sia dal punto di vista narrativo che tematico. Sebbene i periodi di tempo e gli schemi criminali in ogni stagione di 'Fargo' possano cambiare, ogni episodio esiste all'interno di un mondo coerente e alla fine riguarda il modo in cui 'persone normali'. gestire forze al di là del loro controllo e comprensione Quelle forze potrebbero presentarsi sotto forma di un sicario apparentemente inarrestabile, un UFO, o anche solo l'incapacità esasperante dell'umanità di comunicare.

La capacità di Hawley di prendere i Coen Brothers formato originale, trovare l'anima di ciò che l'ha reso unico e adattarlo alla televisione ha contribuito a rendere il mezzo un luogo più adatto all'antologia.

Clint Worthington (@clintworthing), Conseguence of Sound, The Spool

Chiamami di base, ma non credo che nulla potrà mai essere all'altezza del dinamismo, artigianalità e morso sociale dell'originale 'Twilight Zone' di Rod Serling. Indipendentemente dalla loro qualità oggettiva (che vedrò tra un minuto) , sono uno degli spettacoli che hanno plasmato non solo la mia infanzia, ma il mio amore permanente per la narrativa speculativa. Inoltre, le intermittenti maratone di Capodanno dei vecchi episodi di 'Twilight Zone' mi offrono ampie opportunità di ricondurre a quel senso di meraviglia dell'infanzia.

C'è qualcosa di intangibile nella loro natura favorevole al budget come teleplay modesti, le loro idee esplorate non da effetti visivi all'avanguardia ma dal potere della sceneggiatura e dei suggerimenti. Risale all'era d'oro della fantascienza, ricca di immaginazione, un tempo in cui finalmente comprendemmo il potere della scienza ma dovevamo ancora esplorarne le implicazioni. Le storie di Serling erano nel migliore dei modi didattiche, favole moderne raccontate attraverso il linguaggio dell'era atomica, e in particolare progressiste per il loro tempo. Imitatori come 'Black Mirror' e (lo dirò) il riavvio CBS di Peele di 'Twilight Zone' stesso non sarà mai in grado di eguagliare la potenza senza tempo di immagini come Burgess Meredith che si rompe gli occhiali o le facce di maiale di 'Eye of l'osservatore. '

'Quantum Leap'

Moviestore / REX / Shutterstock

Damian Holbrook (@damianholbrook), TV Guide Magazine

OK, ho dovuto cercare questo per assicurarmi che la mia mente pre-adolescente non mi stesse prendendo in giro, e si scopre che non lo era! Nel 1979, c'era uno spettacolo chiamato 'Cliffhangers!' Che era antologia, tranne per il fatto che non era una storia diversa ogni stagione, c'erano tre serie diverse e ogni episodio presentava episodi di 20 minuti di ogni trama che si concludeva con, sì un cliffhanger, prima di una pausa commerciale. Quando lo show tornerà dagli spot pubblicitari, il prossimo capitolo del serial andrà in onda e dovresti aspettare fino alla settimana successiva per vedere come ognuno è ripreso.

Ricordo di essere stato affascinato da uno spettacolo che era di tre spettacoli chiaramente diversi (invece di essere attualmente infastidito da una serie particolare che diventa come quattro spettacoli diversi in otto episodi) e di essere anche confuso. Le storie erano così opposte! 'Stop Susan Williams' ha interpretato Susan Anton nel ruolo di una Indiana Jones femminile, 'The Secret Empire' era un western con alieni e 'The Curse of Dracula' era più una storia d'amore che di horror. Tuttavia, era così diverso da qualsiasi cosa avessi visto nei miei 10 anni di vita a quel punto e un giovane Michael Nouri nei panni di un vampiro di San Francisco era tutto quel bambino gay che aveva bisogno di essere catturato. Non ricordo come tutto sia stato legato e, secondo Wikipedia, non ha mai finito di mandare in onda tutte le parti. Ma ha lasciato il segno ed è probabilmente il motivo per cui continuo a dare 'American Horror Story' un'altra possibilità. Anche dopo quella spazzatura 'Hotel' stagione.

Joyce Eng (@ joyceeng61), GoldDerby

Posso dire l'isola di Harper, anche se è stata, crudelmente, ingiustamente cancellata dopo una stagione? So di averlo fatto, ho appena controllato il nome in una risposta il mese scorso, ma meritava di meglio, ok? Ma andrò al mio primo vero amore antologico che è durato più di una stagione ed è anche nella vena horror / misteriosa: 'Hai paura dell'oscurità?' Questo mi ha spaventato meno quando ero un bambino, e io mi è piaciuto moltissimo. È andato lì con alcune cose davvero inquietanti che non vedi quasi mai negli spettacoli per bambini di allora o adesso. Cavolo, penso ancora a 'The Tale of the Dollmaker' o 'The Tale of the Shiny Red Bicycle' e rabbrividisco.

'Hai paura del buio?'

Nickelodeon

Eric Deggans (@deggans), NPR

Sento che questa risposta deve essere divisa in due epoche, perché la serie antologica dei tempi passati è molto diversa da quella dei talenti televisivi delle antologie di oggi. Quindi, nella categoria delle serie storiche di antologia, dovrei andare con Rod Serling 'The Twilight Zone'. Creato da Serling, uno scrittore radiofonico e televisivo desideroso di sviluppare programmi che affrontano questioni sociali più profonde, 'The Twilight Zone'. andò in onda per cinque stagioni a partire dal 1959, presentando storie autonome per ogni episodio, spesso con una fantascienza o un tema fantastico e spesso con una svolta narrativa alla fine. Alcuni episodi classici di 'Twilight Zone' includevano Billy Mumy ('Lost in Space') nei panni di un bambino di sei anni superpotente che isolava una piccola città e la governava con un pugno di ferro (Cloris Leachman interpretava sua madre); William Shatner nel ruolo di un uomo che si sta riprendendo da un esaurimento nervoso che vede un gremlin sull'ala di un aereo passeggeri e Burgess Meredith come un cassiere di libertini, beccato, che pensa di essere in paradiso quando una guerra nucleare uccide tutti tranne lui, lasciandolo libero leggere tutti i libri che vuole (il colpo di scena finisce: gli occhiali gli cadono dal viso e si frantumano, lasciandolo incapace di leggere). La serie è stata così innovativa che ha ispirato tre serie revival, un film, una serie radiofonica e persino il giro della Torre del Terrore nei parchi a tema Walt Disney. Ancora più importante, 'Twilight Zone' rdquo; andato in onda in un momento in cui la rete TV era ancora in gran parte evasiva, evitando la menzione diretta di eventi controversi nel mondo reale. Serling ha usato la fantascienza e le fantastiche ambientazioni dei suoi episodi per parlare di questioni sociali come il razzismo, la guerra e la povertà in modi che i dirigenti della rete e gli sponsor potevano accettare.

Le moderne serie di antologie spesso evitano il pesante sollevamento di creare una nuova storia ogni episodio. Invece, creano una nuova storia ogni stagione, estendendo la narrazione su otto, dieci o tredici episodi. In questa classe, mi chiamo FX 'American Crime Story', ”; principalmente per il potere della sua prima voce, & People, v. O.J. Simpson ”.; Fu il primo di due progetti TV orientati a Simpson quell'anno - tra cui ESPN 'O.J .: Made in America'. - e l'unica ricreazione scritta del processo per omicidio che è riuscita a dire agli spettatori un sacco di cose nuove sull'accusa più infondata dai media nella storia, mentre parlava anche delle nostre attuali preoccupazioni in materia di giustizia penale, razza e polizia.

Daniel Fienberg (@TheFienPrint), The Hollywood Reporter

C'è qualche risposta trabocchetto che mi manca qui? Altrimenti, sarà un intero sondaggio di persone che dicono 'La zona del crepuscolo', oltre a Ben che dice: 'Ho tradito e guardato le risposte di tutti, quindi lasciami fare qualcos'altro. 'Gli avanzi' è una serie di antologie? 'Voglio dire, adoro' Fargo ', tutte e tre le stagioni. Sì. Anche il terzo. Ma è degno solo di essere una risposta bonus qui, perché la vera risposta DEVE essere 'The Twilight Zone'. Sapore classico. Rod Serling. Conosci quello.

Diane Gordon (@thesurfreport), Freelance

So che baro un po 'ma vado con 'The Wire' per la mia serie di antologie preferita. Sì, lo so che ha personaggi che si ripercuotono di stagione in stagione (grazie a Hanh per aver ricordato che sia l'attuale serie 'AHS' che 'Fargo' lo fanno), ma lo scelgo comunque perché quando guardi alla totalità delle cinque stagioni, è un'antologia sul passato e sul presente di Baltimora.

'The Wire' ha avuto un grande impatto sul mio cervello narrativo poiché ha incorporato la storia civica di Baltimora con temi più ampi sui problemi che le istituzioni americane causano e tentano di alleviare. Che si trattasse di commercio illegale di droga, sistema portuale marittimo, governo della città e burocrazia, sistema scolastico o stampa, David Simon e gli autori della serie hanno raccontato storie a livello granulare e i dettagli hanno aggiunto l'impatto emotivo di ogni stagione. Poiché la stessa unità di ufficiali e politici si è ripresentata durante le cinque stagioni dello show, c'era la sensazione della necessità di un cambiamento, mostrando anche che i progressi sono lenti e spesso sembrano impossibili.

Anche se la quarta stagione è andata in onda nel 2006, non ho ancora dimenticato quanto emotiva mi abbia fatto sentire la stagione del sistema scolastico di Baltimora. La prospettiva di alcuni bambini era così desolante, e anche quando gli scrittori offrivano un barlume di speranza, di solito veniva deluso da una parte della burocrazia cittadina.

Spesso è stato difficile conciliare i miei sentimenti per lo spettacolo in quanto era una narrazione così straordinaria ed espansiva ed è stato fatto così bene, ma guardarlo di solito mi ha lasciato triste e mi chiedevo se fossero possibili soluzioni. Fino ad oggi, mi meraviglio di 'The Wire' per il suo eccezionale cast, la scrittura, la visione e l'anima civica.

Festival del cinema Tribeca 2018

Va bene, penso davvero che 'The Leftovers' potrebbe qualificarsi come un evento antologico di qualche tipo, dato lo scenario drammatico e il cambiamento tonale visto tra le stagioni 1 e 2, nonché un finale della serie che funziona magnificamente come un film indipendente, ma Mi arrenderò al pensiero tradizionale e sceglierò qualcos'altro. Ispirato dal mio collega inclusivo Dan “Mr. Presidente 'Fienberg, lasciami gridare' Room 104 ',' The Missing ',' Fargo 'e' The Twilight Zone ', prima di andare alla fine con' True Detective '- va bene per tutti? No? Bene, anche con il disastroso machoismo disastroso della seconda stagione, Nic Pizzolatto è due a tre con la sua antologia HBO stellata. Il mio amore per la Stagione 1 è infinito come un cerchio piatto, e l'ambiziosa struttura della Stagione 3 e il ritorno alla narrazione incentrata sui personaggi hanno reso l'eccellente TV. Inoltre, ci sono Matt e Mahershala. Sempre Matt e Mahershala. Va bene, va bene, va bene.

D: Qual è lo spettacolo migliore attualmente in TV? *

A: “Successione” (quattro voti)

Altri contendenti: 'Lodge 49' (due voti), 'The Boys', 'David Makes Man', 'GLOW', 'Hypnotize Me', 'Pose', 'The Terror: Infamy' (un voto ciascuno)

* Nel caso di servizi di streaming che rilasciano stagioni complete in una volta, includi solo spettacoli che sono stati proiettati in anteprima nell'ultimo mese.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers