La star di 'GLOW' Betty Gilpin è qui per la 'Femme-pocalypse'

Betty Gilpin in 'GLOW'



Ali Goldstein / Netflix

Il primo pensiero della nomination agli Emmy Betty Gilpin per la prima volta dopo aver sentito che la sua serie Netflix “GLOW” stava andando a Las Vegas per la sua terza stagione: “Oh, no!” Mentre lo sfarzoso e amante spettacolo di wrestling incentrato sul divertimento sembra un naturale adatto per il punto caldo del deserto esagerato, Gilpin era preoccupato di come esattamente lei si adatterebbe al paese delle meraviglie del casinò.



'Come persona che ha lasciato il suo selvaggio passato alle spalle e il cui sé delle vacanze di primavera è stato appeso nell'armadio, ora sono davvero un depressivo al chiuso a cui piacciono Postmates e YouTube. Il pensiero di Las Vegas mi interessava ', ha detto Gilpin in una recente intervista con IndieWire. 'Los Angeles è già scioccata dalla mia, direi, parte di Emily Dickinson, quindi ero nervoso per la Charo-ness di Las Vegas.'



Come il suo personaggio, l'inaspettata superstar del wrestling Debbie Eagan, Gilpin è stato in grado di trascendere quelle preoccupazioni iniziali con un po 'più di riflessione. (Una preoccupazione rapidamente alleviata: hanno ancora girato questa stagione a Los Angeles)

“E ' è una buona scelta, perché lo spettacolo è così esagerato e fantastico e circense, e talvolta i capelli, il trucco, l'ambientazione, ci danno in qualche modo la scusa per fare quelle scelte circensi e fantastiche nella nostra recitazione ', ha detto. 'Quindi mi sono anche sentito calmato dal fatto che fosse a Las Vegas, ero tipo, 'OK, possiamo continuare ad essere pazzi.' Penso che se andassero a piacere, Sarah Lawrence per una stagione, sarei nervoso per come sarebbero le nostre scommesse gioca lì '.

Se c'è una lezione che 'GLOW' ha sempre tenuto a portata di mano, è che c'è più di un modo per essere una donna. C'è sicuramente più di un modo per farsi strada a Las Vegas ('folle' è probabilmente il migliore). Per lo spettacolo di Liz Flahive e Carly Mensch, quel tipo di evoluzione, accoppiato con un continuo interesse ad abbracciare i loro personaggi in tutta la loro gloria disordinata, ha aggiunto un modo cosmicamente fantastico per spostare lo spettacolo (e le sue donne di wrestling) in spazi letteralmente nuovi.

Come è avvenuto nel corso delle due precedenti stagioni, la terza stagione di 'GLOW' spinge le sue protagoniste, in particolare Debbie di Gilpin e Ruth di Alison Brie, in archi a volte scomodi. Mentre spostare il loro atto di wrestling a Las Vegas apre molte nuove opportunità per le ragazze, mostra anche la divisione tra la vita che avevano e le scelte che li hanno portati su questo palcoscenico nella loro esistenza personale e professionale.

Betty Gilpin e Alison Brie in 'GLOW'

Ali Goldstein / Netflix

Per Gilpin, è una astuta continuazione di un percorso tracciato dai primi episodi dello spettacolo, quando le attrici in difficoltà (e le migliori amiche) Debbie e Ruth subirono un terribile litigio, solo per essere respinte insieme dalle opportunità professionali offerte dal 'Splendide signore del wrestling.'

'Penso che quando abbiamo incontrato Debbie, lei pensava che i titoli di coda stavano rotolando e che la sua storia era praticamente finita e che avrebbe vissuto la sua vita come casalinga a Pasadena', ha detto Gilpin. “Questa esplosione di vita che le succede nel pilota, in un certo senso la avvia su questo percorso di realizzazione, 'Oh, stavo fingendo di essere una persona che in realtà non volevo essere, e che c'è stato questo mostro dormiente dentro di me che potrebbe essere davvero potente e complicato e la parte più bella dell'essere vivi. ''

L'attrice saluta i creatori Flahive e Mensch, oltre a una stanza di scrittori di talento, per non aver preso la via più semplice per l'arco di Debbie. 'Sarebbe facile per loro scrivere propaganda femminista, in un modo di' questo è successo e poi lei ha il potere e ora va tutto bene! '', Ha detto Gilpin con una risata. 'In un certo senso, Debbie ha davvero trovato il suo potere, e poi in altri modi, è ancora una donna nel 1985 a cui viene detto che le cose che sono preziose per lei sono le parti più piccole che hanno una data di scadenza. E penso che lei creda ancora in parte. ”

Man mano che lo spettacolo si è evoluto, anche Debbie si è spostata dall'aspirante wrestling a una donna d'affari autorizzata in grado di realizzare opportunità per se stessa. Nella terza stagione, quella parte di Debbie cresce solo, mentre usa il suo acume naturale per passare dal produttore e dall'esecutore a una posizione di potere ancora più grande (e unica).

'Vuole davvero avere il potere sul lavoro e far sentire la sua voce e lei vuole valutare se stessa come qualcosa di più che desiderabile,' ha detto Gilpin. 'Penso che abbia creduto nel mondo quando le ha detto che era quello che era. E penso che vederla provare ad imparare quelle lezioni e avere problemi nell'apprenderle sia stato davvero interessante e rinfrescante. ”

La natura alimentata dal potere della ragazza dello spettacolo è evidente anche fuori dallo schermo. Per tre stagioni, 'GLOW' è rimasto costantemente fedele alle sue trame incentrate sulle donne: i due personaggi maschili della serie, interpretati da Marc Maron e Chris Lowell, si sono evoluti anche al servizio del successo dello spettacolo di wrestling per donne - e quell'interesse nel centrare le donne ha influenzato la carriera di Gilpin a picche.

“GLOW”

Ali Goldstein / Netflix

'Mi sono reso conto dopo aver lavorato su' GLOW 'quante volte e lavori precedenti avevo davvero sopportato a modo mio o lasciato che circostanze o paure mie prendessero il sopravvento sulle parti creative del mio cervello', ha detto Gilpin. 'Secondo me stesso e non voler occupare spazio, chiudere davvero la sezione delle idee coraggiose del mio cervello e lavorare in un ambiente in cui mi sento sicuro, supportato e ispirato, è come se tutte quelle camere del cervello creative fossero aperte.'

Ha aggiunto: 'Penso che sia il risultato dell'ambiente che Liz e Carly hanno creato sul set. Penso anche che sia stato il risultato del clima femminista in cui viviamo. Sai, la femme-pocalypse è qui. ... Ha cambiato completamente la vita. '

Anche che cambia la vita: un paio di nomination agli Emmy per il suo lavoro nello show. Per Gilpin, che ha trascorso la prima parte della sua carriera a sfogliare le parti degli ospiti in grandi serie (incluso Due apparizioni in 'Law and Order: Criminal Intent', interpretando ogni volta personaggi diversi) e lanciando concerti fuori Broadway, quel tipo di riconoscimento è ancora selvaggio.

i film più tristi di sempre

'C'è una bellezza e il terrore nei tuoi sogni che diventano realtà, cose come una nomination o persone che guardano persino il tuo spettacolo, è una prova letterale che non sei invisibile', ha detto Gilpin. 'È come, 'OK, hai parlato di un grande gioco secondo cui se il mondo ti girasse e ti guardasse, forse la tua vita potrebbe essere magnifica o potresti fare qualcosa di speciale, ora è la tua occasione.' Temo che il mondo sembrerà verso di me e mi piace vomitare nelle mie scarpe e poi andrà avanti. Quindi sto cercando di non farlo. '

Se 'GLOW' ha aiutato a riaggiustare il suo modo di pensare, allora hanno anche altre relazioni con donne a Hollywood, tra cui l'attrice e sceneggiatrice Zoe Kazan. 'Gran parte di questo business, è ancora saturo, soprattutto per le donne, in competizione e' c'è solo x quantità di punti ', ha detto Gilpin. 'Sono state davvero persone come Zoe che, osservando il loro successo nel modo in cui si comportano nel mondo, mi ha completamente cambiato come persona.'

La loro amicizia non è sempre sembrata così fatale (sfumature di Debbie e Ruth, nessuno?). Mentre Gilpin è ora la madrina di Zoe e del partner della bambina di Paul Dano, ha quasi fatto una panoramica molto diversa. 'Ho sentito parlare per la prima volta di Zoe perché era una persona che stava ottenendo ogni parte di New York City che desideravo, e stavo maledicendo il suo nome', ha ricordato Gilpin con una risata. 'Quando i miei agenti chiamavano e dicevano' OK, non sta andando per la nostra strada ', direi' Non dirlo, non dire il suo nome! 'Vorrei urlare al mio soffitto rotto, 'Noooo! La odio! '”

Betty Gilpin e Alison Brie in 'GLOW'

Ali Goldstein / Netflix

Quindi, ovviamente, inevitabilmente, si sono incontrati di persona. 'Non la conoscevo affatto, e poi una volta che l'ho incontrata ho capito, oh, ha un cervello e un'anima profondi mille miglia ed è la persona più intelligente e di maggior talento che conosca', ha detto. “E lo è anche mio il più grande campione. Questa persona è diventata mia sorella ed è diventata una persona su cui modello il mio modo di vivere, in termini di sostegno ad altre donne e di ingoiare il mio orgoglio e celebrare qualcuno e i loro successi. '

Un risultato messo in pausa: il suo primo ruolo da protagonista in un film. Alla fine di questo mese, la Gilpin avrebbe fatto il suo debutto come protagonista nel thriller di Craig Zobel in un thriller di tipo 'Most Dangerous Game', 'The Hunt'. Dopo le proteste del presidente Donald Trump, la Universal ha annullato l'uscita del film fine settimana. Non è chiaro cosa accadrà al film, che presumibilmente ha contrapposto 'deplorevoli' contro 'élite' in una battaglia fino alla morte.

IndieWire ha parlato con Gilpin prima della notizia, e l'attrice era entusiasta della parte, in particolare a causa di come ha allungato i suoi talenti in modi nuovi. Mentre ha trascorso tre stagioni a 'GLOW' hackerando acrobazie difficili, ha detto che il film di Zobel ha combinato quel tipo di fisicità con una parte emotivamente ambiziosa per Gilpin, e il marketing iniziale l'ha definita l'eroe del film.

'Interpreto molte donne che sono come le donne i cui libri ho portato al liceo, suono un sacco di donne alfa girlie, e in un certo senso sto presentando le mie note sul campo su quella persona nella mia esibizione', ha detto Gilpin la pellicola. “Mi sento come se stessi interpretando un personaggio che è più vicino al mio gremlin più interno, l'io mostro. Mi sento più esposto di quanto non sia mai stato. I giorni in cui mi sono girato e atterrato su tavoli di legno, è stato facile. Staccare la tenda e dire 'okay, gremlin, inizia a parlare!', E il gremlin è come ', ma sono stato nell'ombra per tutto questo tempo!', È stata la più grande acrobazia di tutte. '

Tuttavia, Gilpin ha molti altri potenziali progetti nelle sue maniche luccicanti. Nel 2017, ha scritto un autorevole (e divertente, onesto e vero) saggio di Glamour sulla fiducia in se stessi e sull'immagine corporea (titolo perfetto: 'Com'è avere una confidenza su misura con anguria'). Spera ancora di scrivere di più.

“Ho sicuramente un computer pieno di uova sagge, fondamentalmente di idee che potrebbero essere trasformate in qualcosa. Io davvero veramente voglio, ma a volte mi fa prendere dal panico che non ho abbastanza cervello per scrivere un libro o una sceneggiatura ', ha detto Gilpin. “Immagino che devo solo falsificare un cervello di contorno e sperare per il meglio. Sento, come Debbie, di aver trovato questo io forte in molti modi. Ma sai, direi che la vergogna e la paura non sono morte. È qualcosa che sicuramente combatto ancora quando si tratta del mio lavoro e di quello che ho messo lì. È una lotta quotidiana. '

Debbie può farlo. Anche Gilpin.

La stagione 3 di 'GLOW' è ora in streaming su Netflix.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers