'Libro verde': il contendente Oscar si sente bene 'Problema di negro magico' - Opinione

'Libro verde'



Universal Pictures

Il dottor Donald W. Shirley era un prodigio di pianoforte di discendenza giamaicana che aveva dominato gran parte del repertorio di concerti standard all'età di 10 anni. Il suo virtuosismo è degno degli dei, ”; Disse una volta Igor Stravinsky. Eppure, l'idiosincratico Shirley è stato ridotto a uno dei personaggi di lunga data del cinema razzista in Peter Farrelly 'Green Book'.



Ad essere onesti, “; Libro verde ”; non vuole diventare un film biografico su Don Shirley; tuttavia, il film è stato definito essenzialmente una commedia interrazziale. Universal, che ha prodotto il film, ha in programma di presentare il vero road trip nella migliore commedia / musical dei Golden Globes (anche se il suo eventuale posizionamento nella categoria sarà determinato dalla Hollywood Foreign Press). Le commedie americane hanno generalmente concesso lo stesso tempo sullo schermo a entrambi i personaggi, tranne quando uno di quei personaggi è nero ed esiste quasi interamente per aiutare a trasformare il suo compagno bianco in una ricerca verso la salvezza. Questo è il 'magico negro'. problema e “; Libro verde ”; cade proprio nella trappola.



Il film trova Don Shirley di Mahershala Ali guidato attraverso gli stati razzisti del sud in un tour musicale di Viggo Mortensen 'Tony' Lip “; Lip ”; Vallelonga, il cui viaggio costituisce la maggior parte del film, mentre Shirley rimane la figura di talento preternaturale che illumina la Vallelonga con le nocche.

“; Libro verde ”; cade in una storia tentacolare di “; Magical Negro ”; stereotipi nella storia del film, tra cui alcune amate performance. Questi includono Oda Mae Brown (Whoopi Goldberg) in “; Ghost ”; (1990), Ellis Boyd 'Red' Redding (Morgan Freeman) in 'The Shawshank Redemption'. (1994), Bagger Vance (Will Smith) ne La leggenda di Bagger Vance ”; (2000) e - soprattutto - John Coffey (il defunto Michael Clarke Duncan) in 'The Green Mile'. (1999).

Spike Lee - che ha satirizzato i personaggi razzisti nel suo film del 2000 'Bamboozled' - si riferiva all'ultimo di questi personaggi come 'super-duper'. versioni del Magical Negro. “; I neri vengono linciati a sinistra ea destra e [Bagger Vance] è più preoccupato di migliorare lo swing del golf di Matt Damon? Mi arrabbio solo a pensarci ”, ha detto Lee agli studenti del Calhoun College nel 2001.

Il magico negro ”; L'archetipo è in genere radicato nell'ignoranza di uno sceneggiatore bianco di qualsiasi vera esperienza afroamericana. È in genere paziente, a volte saggio e di solito ha una sorta di potere magico. La sua ultima funzione è quella di aiutare il protagonista bianco a superare alcuni importanti difetti del personaggio.

uomo morto johnny depp

Nel caso di “; Libro verde, ”; A Shirley è permesso solo accennare alla sua storia familiare, con riferimenti minori a un fratello estraneo che non incontriamo mai. La sua unica vera comunicazione è con il manifestamente razzista di Mortensen - tuttavia, siamo portati a credere - Tony Lip, di grande cuore, che assume come autista e guardia del corpo mentre intraprende un tour attraverso gli stati del sud nei primi anni '60.

Mortensen's Lip, d'altra parte, ha una vita piena e complessa - una famiglia, compresa una moglie preoccupata, con figli, un padre, fratelli, ex datori di lavoro e altro ancora. L'acido Shirley di Ali aiuta Lip a diventare una versione migliorata di se stesso, mentre lo stesso Shirley rimane un mistero per tutto il merito; è poco più che uno spettro, progettato per aiutare Vallelonga a combattere i suoi pregiudizi.

Mentre è in viaggio con Shirley, Lip, come promessa a sua moglie, le scrive delle lettere, che diventano sempre più poetiche mentre il più urbano Shirley, essenzialmente continuando a svolgere i suoi doveri di 'Magico Negro', decide di aiutare Lip a compilarle, insegnando lui il linguaggio dell'amore. Ma a chi scrive Shirley mentre è in viaggio? Apparentemente nessuno. Di chi ama o si interessa? Il film non ce lo dice. Cosa vuole in definitiva, la sua ragion d'essere? Non è del tutto chiaro. Ci viene detto che una volta era sposato con una donna che evidentemente non era in grado di gestire il suo intenso programma di tournée, ma in una scena a metà del film, è stato trovato in un bagno pubblico, nudo con un altro uomo, visibilmente vergognoso. Il suggerimento qui per il pubblico che non ha familiarità con la sua storia di vita reale è che Shirley avrebbe potuto essere in conflitto con la sua identità sessuale. Ma Farrelly non fa altro con questa rivelazione della trama in modi che potrebbero complicare il personaggio. È caduto in grembo allo spettatore e non è più stato menzionato.

Shirley è raffigurato nel film come inquieto nei confronti di altre persone di colore, e deve essere insegnato storia nera da Vallelonga - che istruisce anche Shirley su come mangiare pollo fritto, in scene progettate per essere spensierate che invece si sentono degne di rabbia. Il conflitto è maturo per un'indagine estesa che potrebbe rivelare più della sua storia personale, ma quel potenziale viene ignorato, rendendo l'uomo come una serie di morsi di suono che suggeriscono possibili crisi razziali e sessuali mai adeguatamente investigate. Il pubblico è lasciato a colmare le lacune.

Una figura quasi simile a quella di Gesù, Shirley di Ali reagisce al razzismo che affronta con una fredda riserva, senza mai arrabbiarsi visibilmente, nemmeno in momenti apparentemente privati. Vallelonga lo fa per lui, fungendo da 'traduttore della rabbia' di Shirley, perplesso dall'apparente mancanza di indignazione del pianista per le ingiustizie che affronta. È certamente possibile che questo aspetto della rappresentazione di Farrelly del temperamento di Shirley sia in linea con la vita reale di Shirley. Ma anche Martin Luther King Jr. - il razzista bianco americano 'modello negro' infuriava di volta in volta.

'Libro verde'

Universal Pictures

La sceneggiatura è stata scritta dal figlio di Vallelonga, Nick Vallelonga, con crediti aggiuntivi per Farrelly e Brian Hayes Currie, quindi non sorprende che la storia dia a Mortensen un personaggio molto meglio sviluppato da incarnare. Non è chiaro quale fosse il loro materiale di partenza per il racconto immaginario di Shirley di Ali, al di là dei ricordi del figlio di Vallelonga sulla relazione di suo padre con il defunto savant. Lo stesso Shirley gli ha dato il permesso di rivelare la sua sessualità, ma solo dopo la sua morte (è morto nel 2013).

premi del re leone

La vera vita di Shirley è qualcosa di misterioso: non ci sono biografie e necrologi dopo la sua morte sono per lo più generali, offrendo fatti sui suoi numerosi successi, ma nessuno che rivela molto sulla sua vita personale. Ciò che può essere trovato in abbondanza è la sua musica, che alla fine potrebbe essere l'unico modo in cui il pubblico sarà in grado di conoscerlo - a parte il ritratto frammentario di Farrelly.

Ma anche con la mancanza di informazioni disponibili, è difficile non immaginare una versione di 'Green Book'. nelle mani di un regista nero che avrebbe riconosciuto la necessità di dare a Shirley una presenza sullo schermo più complessa.

C'è un film più completo e onesto da realizzare sul rapporto tra Vallelonga e Shirley. Il film ci dice che sono diventati grandi amici. Bisogna supporre che la loro vera amicizia sia andata oltre la capacità di Shirley di aiutare Vallelonga a trasformarsi da bianco non razzista, in modo da poter essere un essere umano compassionevole e apparentemente più contento. Farrelly e il suo team probabilmente credevano che stessero rappresentando un afroamericano 'eccezionale' sotto una luce positiva, ma il personaggio è ancora secondario e funge da dispositivo di trama.

Il 'Libro verde' entra nei cinema con le benedizioni dell'attrice afroamericana Octavia Spencer, che è uno dei produttori esecutivi del film. Spencer ha vinto un Oscar per il 2011 'The Help, ”; una versione similmente semplificata e sdolcinata delle relazioni razziali stabilite nel passato americano, nello stesso periodo. Her “; Help ”; la costar Viola Davis ha recentemente rivelato pubblicamente di essersi pentita del suo coinvolgimento nel film. 'Ho appena sentito che alla fine della giornata, non erano le voci delle cameriere che sono state ascoltate', ha detto a settembre. Riferendosi ai personaggi che lei e Spencer hanno interpretato nel film, ha detto: “Conosco Aibileen. Conosco Minny. Sono mia nonna. Sono mia madre. E so che se fai un film in cui c'è tutta la premessa, voglio sapere come ci si sente a lavorare per i bianchi e allevare i bambini nel 1963, voglio sentire come ti senti davvero al riguardo. Non l'ho mai sentito nel corso del film. '

Allo stesso modo, la voce di Shirley è effettivamente emarginata nel 'Libro verde'. In un film che Maurice Shirley, 86 anni, fratello minore del compianto prodigio, ha detto che è 'pieno di bugie', Farrelly ha creato uno sguardo piuttosto superficiale sulla razza e sul razzismo nell'America di Jim Crow-era, dove tutto ciò che serve per guarire la razza divisioni è un viaggio innocuo e disoneste sciocchezze. Purtroppo, Shirley non è vivo per riempire gli spazi vuoti.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers

Televisione

Premi

Notizia

Altro

Botteghino

Kit di strumenti