'The Irishman': Netflix fissa le date di uscita per il cinema e lo streaming di Scorsese Gangster Epic

'L'irlandese'



Netflix

Guarda la galleria
30 foto

Netflix darà a 'The Irishman' di Martin Scorsese l'uscita teatrale del 1 ° novembre, seguita dalla premiere di Netflix mercoledì 27 novembre. L'anticipazione è alta per il contendente all'Oscar, ma c'è una cosa che 'The Irishman' non può fare: convincere le principali catene teatrali vale la pena fare un'eccezione per la sua finestra teatrale di tre mesi.



Al momento della stesura di questo articolo, non è chiaro quanti schermi vedranno il lavoro manuale di Scorsese e l'invecchiamento della FX delle sue star, Robert De Niro e Al Pacino. Il 1 ° novembre aprirà a Los Angeles e New York, seguito da una piattaforma negli Stati Uniti e nel Regno Unito l'8 novembre, aggiungendo più teatri ogni fine settimana il 15 novembre e il 22 novembre. Quando sarà presentato in anteprima su Netflix il 27 novembre, vedere 'un'uscita teatrale estesa negli Stati Uniti e nei mercati internazionali'.



Quanto a 'The Irishman' sarà visto, sembra probabile che Netflix metterà insieme una rete di teatri indipendenti simile a quello che 'Roma' ha visto l'anno scorso. (E i termini per queste prenotazioni, spesso a quattro pareti, sono costosi.)

Come ha scritto Tom Brueggemann, reporter al botteghino di IndieWire all'inizio di quest'anno, la 'Roma' di Netflix ha giocato per più di 15 settimane, senza mai vedere più di 125 teatri in ogni settimana:

tiro al cazzo robocop

Non solo i tre principali espositori (AMC, Regal e Cinemark) si sono rifiutati di suonare 'Roma', Roma. altri hanno seguito l'esempio. Questi boicottaggi includevano i Pacific Theatres, le cui location di Southern California Arclight sono attori particolarmente significativi in ​​film specializzati, così come altri importanti circuiti regionali. Aggiungi luoghi come il cinema BAM di Brooklyn, i cinema della città (tra cui i cinema Angelika) e queste opportunità mancate probabilmente rappresentano $ 1 milione o più.

Quest'anno Netflix voleva gestire il suo contendente premier all'Oscar in modo diverso. Il capo della divisione cinematografica di Netflix, Scott Stuber, ha trascorso mesi a cercare di farsi strada con le prime tre catene, attirandole con il fascino dell'epica gangster a budget ridotto. Non volevano Scorsese nei loro teatri?

Gli studi hanno osservato con interesse mentre Netflix ha provato diversi approcci. La valutazione a più livelli per film con biglietti grandi e titoli più piccoli non è andata molto lontano. Né l'idea di lasciare andare un film in streaming non appena i teatri hanno lanciato un film per non esibirsi, cambiando la suddivisione percentuale per una finestra esclusiva più corta o incontrando gli espositori a metà strada con una corsa esclusiva di 45 giorni.

La divisione cinematografica di Netflix dirige Scott Stuber alla premiere di 'The Ballad of Buster Scruggs' al BFI London Film Festival

NIKLAS HALLEN / EPA-EFE / Shutterstock

A fare il tifo per Netflix a margine erano gli studi: a questo punto, quasi tutti stanno seguendo Netflix a capofitto nel mondo dello streaming e sono alla disperata ricerca di un intermediario come Netflix per sfruttare il suo vantaggio di prima mossa per rompere questo logjam della mostra. I loro cineasti vogliono i teatri, gli elettori degli Oscar vogliono i teatri e, se i teatri si rifiutano di muoversi mentre il mondo cambia, la logica va, rischiano di essere lasciati nella retrovisione.

episodio 1 della serie tv di yellowstone

Alla fine, niente di tutto questo ha funzionato per le catene. Certo, vogliono il film di Scorsese - ma non rischiano di stabilire un precedente rompendo la finestra esclusiva teatrale di 90 giorni. Non vogliono cogliere l'occasione con i loro azionisti, che potrebbero percepire quelle mosse come equivalenti a un voto di sfiducia nel modello di business degli espositori.

Quindi, sebbene Netflix abbia convinto alcuni espositori che non è il nemico, Stuber non è riuscito a convincere la maggioranza con 'The Irishman'.

Tutto questo arriva mentre Netflix lotta con la percezione che il disgregatore sta affrontando una sua grande perturbazione. Sono trascorsi mesi dalla competizione con la burrasca di Disney +, Apple + e HBO Max, e lo scorso fine settimana la Disney ha annunciato uno tsunami di contenuti in streaming di marca a orde di fan urlanti al D23. (C'era una volta Netflix che descriveva la sua competizione come sonno e Fortnite.)

Nel frattempo, il suo prezzo delle azioni deve ancora riprendersi da un secondo trimestre che ha visto mancare le proprie previsioni di sottoscrizione con un ampio margine; per questo, Netflix ha incolpato una lista di contenuti più debole.

Al di là dei travagli di Netflix, questa strategia di rilascio è nella migliore delle ipotesi agrodolce. Ci saranno spettatori che vogliono vedere Scorsese sul grande schermo e non possono. Mentre sarà prenotato nei migliori teatri disponibili, il film sarà privato di alcune delle migliori location. E infine, è un'occasione mancata, per studi ed espositori, per imparare cosa funziona in un mondo in rapido cambiamento. Tenendo duro, sta insegnando ancora più spettatori a stare a casa con Netflix o con gli altri streamer di loro scelta.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers