'It Chapter Two' Risolto il problema della pubertà del club dei perdenti con DeFing VFX

'It Chapter Two'



Warner Bros.

Quando il regista di 'It Chapter Two' Andy Muschietti ha deciso di aggiungere scene di flashback dell'estate dell'89 al suo sequel due anni dopo aver girato l'originale di successo, ha affrontato un problema di pubertà che aveva colpito l'ensemble di giovani attori di The Loser's Club: Jaeden Martell ( Bill), Wyatt Oleff (Stanley), Jack Dylan Grazer (Eddie), Finn Wolfhard (Richie), Sophia Lillis (Beverly), Chosen Jacobs (Mike) e Jeremy Ray Taylor (Ben). Naturalmente, Muschietti ha invitato Lola VFX, gli specialisti del declino dell'invecchiamento per l'Universo Cinematografico Marvel.



Ma affrontare The Loser’s Club è stato molto lontano dal far sembrare Samuel L. Jackson ('Captain Marvel'), Michael Douglas ('Ant-Man') o Kurt Russell ('Guardians of the Galaxy Vol. 2') decenni più giovane. 'Lavorando con i bambini di quella fascia d'età, la quantità di tempo è stata più breve rispetto a quella degli attori adulti (10-30 anni), ma questo è il periodo più drammatico in cui subisci il maggior numero di cambiamenti', ha detto Sarah Marika, gli effetti visivi di Lola supervisore.



il silenzio di andrew garfield

“Abbiamo studiato il primo film e ci siamo resi conto che da una sequenza all'altra c'erano delle differenze. Ma guardi un film con dei bambini e il tuo cervello lo perdona. Ma dovevamo prendere riferimenti dal primo film e trovare un obiettivo di compromesso a cui lavorare per far invecchiare ogni bambino. E abbiamo cercato di trovare una formula di ciò che avrebbe funzionato con ogni bambino. '

'It: Chapter Two'

Warner Bros.

Questo faceva parte dell'intenso processo di sviluppo del look di Lola, che prevedeva l'applicazione delle tecniche brevettate 2D di levigatura e deformazione della pelle in modo molto diverso agli adolescenti. Il team di 20 artisti, distribuito tra singoli personaggi, ha studiato differenze drammatiche in altezza e peso, cambiamenti testa a spalla e imperfezioni della pelle. 'La differenza più grande è stata studiare ciò che stava accadendo con i loro cambiamenti, anche dopo che abbiamo ripreso le riprese dalle riprese', ha aggiunto Marika. “Erano come un bersaglio mobile.

'Dovevamo essere agili e in grado di far fronte a continue modifiche', ha detto Marika. “Il nostro processo differisce da molti altri tipi di effetti visivi perché molte volte sei abituato a una pipeline molto specifica, in cui puoi vedere le cose in modo incrementale: la prima CG precis, come appare dal rendering CG , quindi come composito. Non siamo in grado di farlo. Dedichiamo molto più tempo a farlo nel modo giusto. e tutto si riunisce un po 'più tardi nel processo. Una volta che le cose funzionano, possono unirsi molto rapidamente. '

Nel complesso, Lola ha lavorato a 200 scatti VFX per i flashback, molti dei quali hanno coinvolto i bambini nella clubhouse sotterranea che Ben ha costruito. La coerenza è stata il problema più grande, compreso il mantenimento di adeguate differenze di altezza quando i bambini sono stati allineati fianco a fianco. Ciò è accaduto soprattutto nelle scene tra Bev e Ben. Tuttavia, dal momento che Lillis non era cambiata molto, non c'era bisogno di invecchiarla. Ma Taylor, come Ben, si era ridotto considerevolmente, quindi Lola dovette applicare grasso corporeo sul viso e allungare lo stomaco.

Il regista Andy Muschietti sul set di 'It Chapter Two'.

Warner Bros.

Eppure il personaggio più stimolante è stato sicuramente Richie di Wolfhard, che era cresciuto di qualche centimetro ed era ora tra gli attori più alti dopo essere stato uno dei più corti nel primo film. Ciò significava che la proporzione dei suoi lineamenti del viso era cambiata. La parte inferiore della sua faccia era più allungata dal ponte del naso alla mascella rispetto a quando era più giovane.

'Richie ha subito il cambiamento più drammatico e ci sono stati diversi problemi con lui, quindi trovare il giusto equilibrio tra essere fedele a quello che sembra ed essere fedele alla sua esibizione è stato importante', ha detto Marika. 'Mantenere la performance è sempre la nostra più grande priorità, e in questo film è stata una sfida in più perché era la prima volta che abbiamo lavorato su un film in cui ogni singola voce è stata modificata dopo il fatto. In modo che influisca anche sulle prestazioni.

'Ci sono state molte modifiche e aggiustamenti dell'ultimo minuto', ha aggiunto Marika. “E ci sono stati così tanti cambiamenti. Fortunatamente, nulla è scivolato attraverso le crepe perché Andy aveva una visione forte di dove voleva che andasse il processo e aveva un rapporto così forte con gli attori e i personaggi che interpretavano ”.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers