Jane Campion: Perché Debra Granik merita la nomination agli Oscar per 'Leave No Trace' (esclusivo)

'Non lasciare traccia'



Bleecker Street

Guarda la galleria
51 foto

Dopo una stagione degli Oscar rivoluzionaria in cui Greta Gerwig ('Lady Bird') è diventata la quinta donna nominata per il miglior regista, la stagione dei premi 2018-19 è purtroppo tornata alla tendenza di snobbare registi femminili. In un anno in cui Chloé Zhao ('Il cavaliere'), Lynne Ramsay ('Non sei mai stato davvero qui'), Tamara Jenkins ('Vita privata') e Debra Granik ('Non lasciare traccia') hanno realizzato tutti i lavori principali, tra le altre registe, è evidente che altri enti premiati come l'HFPA e i suoi Golden Globe non siano riusciti a nominare una sola donna come miglior regista.



In una dichiarazione esclusiva rilasciata a IndieWire, la regista di “The Piano” e “Bright Star” Jane Campion condivide la sua frustrazione per la mancanza di attenzione nei confronti delle registe durante la stagione degli Oscar e per il duro lavoro di Granik. 'Leave No Trace' è stato uno dei film meglio recensiti su Sundance all'inizio del 2018 e ha guadagnato un raro 100% su Rotten Tomatoes da 199 recensioni quando è stato aperto nei cinema durante l'estate.



'Leave No Trace' è interpretato da Ben Foster e dal nuovo arrivato Thomasin McKenzie nei panni di padre e figlia che vivono al di fuori della griglia la cui relazione viene messa alla prova quando vengono scoperti e costretti a vivere una vita più domestica. Campion sa una o due cose sulla rottura del soffitto di vetro degli Oscar (è stata nominata per il miglior regista con 'The Piano'), e in seguito spiega magnificamente perché Granik dovrebbe essere un grande giocatore dell'Oscar.

Leggi la dichiarazione completa di Campion su Granik e 'Non lasciare traccia' di seguito.

I Golden Globes hanno appena nominato 5 uomini per il miglior regista. E l'AFI ha pubblicato la sua lista dei 10 migliori film del 2018 senza un singolo film diretto da una donna. Non ho visto tutti questi film, ma voglio riflettere su un film che ho visto quest'anno e credo che meriti una continua attenzione - LEAVE NO TRACE di Debra Granik con Ben Foster e Thomasin McKenzie.

Negli ultimi 20 anni, Debra è diventata una delle voci più importanti del cinema americano. E il suo film LEAVE NO TRACE è sicuramente uno dei drammi più toccanti dell'anno. Ha uno straordinario 100% su Rotten Tomatoes dopo 200 recensioni. Il lavoro di Debra con gli attori è intimo e potente. Ha già scoperto attori - o dato loro la possibilità di brillare in ruoli da protagonista - tra cui Vera Farmiga in DOWN TO THE BONE; Jennifer Lawrence e John Hawkes in INVERNO S BONE (per il quale sono stati entrambi nominati all'Oscar); e ora Ben Foster e Thomasin McKenzie in LEAVE NO TRACE. In questo film ha creato un contesto in cui McKenzie può esistere con un candore e un'autenticità raramente visti sullo schermo.

LEAVE NO TRACE è una storia tra padre e figlia. Anche quando diventa evidente che Will (Ben Foster) potrebbe mettere Tom (Thomasin McKenzie) in pericolo - nonostante il fatto che crede che la stia proteggendo - Granik non perde mai simpatia per i suoi personaggi o ci fa dimenticare ciò che è speciale nel loro relazione. Si concentra su personaggi che non vediamo quasi mai nei film. È attratta dagli estranei nelle comunità emarginate e ha affinato un nuovo tipo di realismo sociale 'rdquo; per oggi.

Dopo aver visto LEAVE NO TRACE, sono stato commosso dal fatto che in un momento di crescente polarizzazione politica, Debra rivela la bontà nelle persone. Non ha bisogno di cattivi per raccontare una storia avvincente. Che si tratti degli assistenti sociali, dei circoli giovanili, dei gruppi ecclesiali, dei lavoratori o delle comunità marginali, Debra mostra persone che stanno cercando di fare la differenza nella vita delle altre persone. Questo è un film pieno di compassione e direi con onestà - e ha avuto un forte impatto sul pubblico. Non perché è rumoroso. È delicato e intimo. Ma perché la verità che Granik parla in silenzio può essere ascoltata anche in un mondo rumoroso.

Sono lieto che Debra sia stato nominato come miglior regista agli Spirit Awards e vinto come miglior regista da LA Film Critics. Questo è un riconoscimento lungimirante. Credo che dovrebbe essere parte della conversazione all'Oscar del miglior regista.

Jane Campion



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers