Recensione di 'Jesus Is King': Kanye West ci porta in chiesa, ma il servizio non è abbastanza lungo

'Jesus Is King'



Un film IMAX di 31 minuti che Kanye West sta pubblicando insieme al suo nuovo album con lo stesso nome influenzato dal Vangelo, 'Jesus Is King'. è contraddittorio come ci si potrebbe aspettare da qualcosa fatto per supportare un disco devozionale dal autoproclamato 'il più grande artista umano di tutti i tempi'. Pari parti riverenti e narcisistiche, umili e grandiose, questa curiosità diretta da Nick Knight è sia un tributo al Signore che una testimonianza dell'ineguagliabile capacità dell'Occidente di mettersi sulla sua maledetta strada.

Almeno il rapper sembra riconoscere di essere la cosa meno interessante al riguardo. Per la maggior parte del breve tempo di esecuzione del film - la maggior parte dei quali è dedicata a filmati mozzafiato del coro del West Sunday che canta gli standard del Vangelo all'interno di un pezzo di arte della terra dell'Arizona che sembra un portale verso il paradiso stesso - West è o non sullo schermo o solo un altro volto tra la folla. La sua voce rimbombante e familiare martella un coro di alleluia nella scena iniziale, e poi scompare fino alla fine. L'unica traccia piena, nuova di “; Jesus Is King ”; viene schiacciato nei movimenti finali, quando è stato giocato nei titoli di coda che comprendono gli ultimi tre minuti di questo filmato di 16 piani.



Questo potrebbe essere un annuncio glorificato per un album che è stato ritardato più volte del rapimento, ma sembra sinceramente più interessato a portarti in chiesa di quanto non ti mandi a Tidal (anche se ciò significa punteggiare ogni scena con un versetto della Bibbia che impedisce al film di avere alcun senso di flusso). Se il film sembra ancora che stia cercando di venderti su qualcosa, forse è perché questa esperienza inutilmente abbreviata non equivale mai a qualcosa di più di un trailer esteso per se stesso; un'anteprima insoddisfacente di una versione più lunga e meno interrotta di questo progetto che potrebbe giustificare il costo di vederlo in un teatro. Al momento “; Jesus Is King ”; arriva al suo tiro finale - un primo piano estremo di West che culla uno dei suoi figli, ciascuno dei peli del rapper sul petto che si estende per sei piedi attraverso lo schermo gigante - questo esperimento a misura di Dio sembra una delle cose più piccole che West abbia mai fatto.





L'installazione di Roden Crater di James Turrell crea un set maestosamente epico, anche se Knight e West si concentrano solo su alcune parti critiche di esso. Turrell ha lavorato duramente sul suo enorme osservatorio ad occhio nudo nel deserto dipinto da quando ha acquistato la terra nel 1979, e il capolavoro ancora incompiuto offre a West una tela degna della sua causa (Turrell ha ritardato casualmente il progetto dal 2011 al 2024, un potere mossa che fa sembrare il ciclo dell'hype 'Yandhi' / 'rdquo; Jesus Is King' come ora amatoriale). Il rapper non è mai stato timido con la sua fede torturata - ha camminato con Gesù in un album, si è etichettato come un dio su un altro e ha fatto amicizia con il diavolo alcuni anni dopo - e quindi è facile capire perché potrebbe essere così divinamente ispirato da una struttura che sembra una linea diretta con il Signore in alto.

Ma il primo sguardo che vediamo al cratere Roden è dall'alto, poiché il film si apre con una visione divina dell'installazione; un geroglifico concreto tagliato in tre miglia di terra rossa, sembra qualcosa che il dottor Manhattan avrebbe potuto costruire sulla superficie di Marte. La telecamera di Knight ci porta all'interno della struttura attraverso un ingresso a forma di buco della serratura, sbloccando la volta sacra in cui la maggior parte di 'Gesù è re'. ha luogo. West riempie la stanza di pietra ovale di rituali e colori in un modo che fa sentire l'intero posto come 'la chiesa di Jodorowsky', 'rdquo; mentre alcune decine di cantanti vestiti con identiche vesti marroni si infilano e prendono posto sotto il cono del lucernario che irradia attraverso la lente naturale tagliata sul tetto.

Marco 1:15 sostiene la folla (& il regno di Dio è vicino: pentiti èe credi nel vangelo ”; viene schizzato sullo schermo in un carattere peccaminosamente orribile) e quindi il gruppo del servizio domenicale lo prende da lì. Trasformano questi arrangiamenti percussivi degli standard del Vangelo con una gioia così esaltante che rende quasi superfluo l'intero film - musica che potente non ha davvero bisogno di essere visto. Knight, ovviamente, fa del suo meglio per contrastare quella sensazione il più possibile, la sua lunga presa si irrita sui volti in un modo che li incornicia come il cratere Roden incornicia le stelle sopra. L'effetto è quello di una luce che attraversa (e respinge) un oceano di oscurità, e l'approccio stenopeico focalizza tutta la tua attenzione in ogni preghiera.

Il film fa una pausa (e un altro versetto della Bibbia) tra ogni breve canzone, ma Knight coglie l'occasione per girare questo incredibile spazio da una prospettiva diversa. Un'immagine particolarmente sorprendente risulta da uno sguardo dal basso verso il direttore del gruppo mentre si trova al centro del cratere e guida estaticamente il suo coro; visto attraverso il cerchio perfetto che Turrell ha scavato nel tetto sopra di lui, quel frammento di cielo grigio fa sembrare che la luna si stia abbattendo sul conduttore come un'imminente Melancholia che non gli impedirà di sorridere.

Ogni nuovo assetto è notevole a modo suo, anche se West e il suo team fanno uso solo di una piccola parte di ciò che il Cratere ha da offrire. Un'esibizione intima degli anni '80 e di Heartbreak ”; ballata “; lampioni ”; viene trasformato dalla fredda luce blu delle stelle che riempie la stanza e rende silenzioso ogni suono; improvvisamente tutte le rime di West suonano come preghiere. “; Jesus Is King ”; su IMAX è il più vicino che la maggior parte di noi potrà mai andare al cratere di Roden, e i migliori momenti del film chiariscono che West sta uscendo più da quello spazio di quanto nessuno di noi abbia mai potuto fare, anche se meno di lui probabilmente dovrebbe.

Come ogni buon evangelista, West è sempre più convincente quando non parla di se stesso, e riesce a resistere a quella tentazione qui fino all'ultimo colpo. Concludendo il film con un frammento obliquo di home video che sembra essere stato girato su un iPhone, West sembra implicare che i suoi figli siano la più grande espressione dell'amore di Dio nella sua vita. O no. Chissà? Qualunque significato sia racchiuso in quell'immagine, impallidisce in confronto allo spettacolo che 'Gesù è re'. ci ha mostrato finora, e ci lascia pensare meno al regno dei cieli di quanto non faccia un uomo che si comporta come il suo ambasciatore sulla Terra. Forse West non ha potuto sopportare l'idea di essere così invisibile nel suo stesso film, o forse si allontana sempre dalla chiesa dopo 28 minuti. Tutto quello che sappiamo per certo è che lui e Knight hanno girato un fantastico film di concerti nel cratere Roden - speriamo che un giorno ce lo facciano vedere.

Grado: B-

'Jesus Is King' ora sta giocando sugli schermi IMAX. L'album con lo stesso nome potrebbe anche essere rilasciato ad un certo punto.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers