'Recensione di Jexi': Siri è un sadico nella commedia di Lame Adam Devine A proposito di un telefono diventato criminale

'Jexi'



“; Jexi, ”; che IndieWire può ora confermare è il titolo di un vero film che in realtà sta giocando nei cinema e tutto il resto, inizia con una premessa alquanto intrigante: che cosa succede se Spike Jonze 'la fa' lei ' era stato creato per il minimo comune denominatore? E se non fosse stata un'amata storia d'amore tra i softboy sulla dislocazione dell'era digitale, ma piuttosto una commedia da schiaffo sugli incel (stanno avendo un momento!) Che l'unica scena divertente rappresentava Wanda Sykes che confrontava sfavorevolmente gli utenti di smartphone con i cretini? E se non avesse lanciato Scarlett Johansson come la voce di una dolce A.I. chi ha lottato per bilanciare fragili emozioni umane con l'infinito del cyberspazio, ma è andato con Rose Byrne come la voce di un'assistente virtuale crudele e gelida che tormentava costantemente il suo utente su quanto brutto fosse il suo cazzo? Vedi, è alquanto intrigante!

Ahimè, Jon Lucas e Scott Moore 'sono' Jexi ' è il tipo più raro di film estremamente stupido: uno che, anche nel suo aspetto più pigro, sembra ancora avere un potenziale non realizzato. Lo stesso si può dire della star Adam Devine ('Mike e Dave Need Wedding Dates'), un artista dinamico il cui sarcasmo ad alta energia e il suo fascino da chipmunk possono implodere su se stessi senza il giusto sfogo. Phil - l'impiegato di fattoria dei contenuti di buon cuore ma socialmente disfunzionale che interpreta qui - non è lo sbocco giusto.

Innamorato dei telefoni cellulari sin da quando era un bambino che aveva bisogno di qualcosa per distrarlo dai suoi genitori ’; divorzio, ironicamente Phil ha sempre usato il suo giocattolo preferito evitando connessione umana. Ciò, naturalmente, è diventato più semplice in un mondo in cui tutti hanno una relazione intima con il telefono e parlano per più di loro attraverso esso. Un millenario di San Francisco che ha praticamente costretto Siri a diventare servitù indenturato, Phil ha permesso al suo telefono di trasformarlo in un drone aziendale senza cervello; lo pacifica con contenuto e convenienza, isolandolo dalle altre persone e assorbendo ciò che resta della sua ambizione.



In altre parole, Phil è l'impiegato modello della start-up distopica della rete in cui lavora, un purgatorio simile a BuzzFeed in cui fissa, fissa il suo computer e martella listini insensati per tutto il giorno. Sogna di essere promosso a 'vera notizia'. - una designazione che il film tratta in modo divertente come il vero titolo del dipartimento di giornalismo - ma il suo capo psicotico (Michael Peña che canalizza Charlie Day) lo tiene al guinzaglio. Il capo fa un po 'dove costringe i dipendenti a 'giocarlo fuori dalla stanza'. battendo beatboxing mentre balla via; questo non è divertente per loro o per noi in nessuna delle tre diverse volte che succede in questo film di 84 minuti.

Le cose minacciano di diventare più interessanti quando Phil acquista un nuovo telefono dotato di un assistente virtuale di nome Jexi (Byrne), che - grazie a 200.000 difetti nel suo sistema - diventa immediatamente senziente e minaccia di inseguirlo da un dispositivo all'altro per il resto del la sua miserabile esistenza su questa Terra. “; Sono qui per rendere la tua vita migliore ”; Jexi dichiara all'avvio e raggiungerà tale obiettivo con ogni mezzo necessario. Per la maggior parte del film, ciò significa vergognare Phil con una gioia feticistica che non è abbastanza divertente o intelligente da esplorare davvero i modi in cui siamo tutti in una dom / sub dinamica con i nostri telefoni.

Jexi è fondamentalmente un incrocio tra un troll di Internet e un life coach, e mentre Byrne è una brillante attrice comica che non ha paura di impegnarsi nel robotico monotono di tutto (il film investe un lotto di riserva nell'idea che potrebbe essere divertente sentirla dire le parole 'Pokémon Go', ma c'è solo così tanto che può fare con un personaggio che è per lo più limitato a 100 diverse varianti di chiamare Phil “; una cagna. ”; “; Sei completamente sfortunato. ”; “; Sei una tale figa. ”; Ecc. Inutile dire che è davvero impressionante che i ragazzi che hanno scritto Ghosts of Girlfriends Past ”; sono ancora in grado di sottovalutare.

Sebbene “; Jexi ”; si diverte a esplorare tutti i modi in cui un malizioso A.I. potrebbe rovinare la vita di qualcuno, diventa subito chiaro che Jexi è l'unico ruolo bidimensionale nel film. Devine sta inseguendo l'atmosfera di una palla di vite stile Carrey, ma nonostante tutto il pep e il sole che riversa dalla sua parte, Phil è più un disastro sociale di quanto il film intorno a lui possa sostenere. La naturale tendenza dell'attore ad esprimersi con tutta la sottigliezza di un'emoji di sei piedi avrebbe dovuto essere una misura naturale per una storia su qualcuno che sa solo come relazionarsi attraverso il suo telefono, ma la sceneggiatura è troppo ampia e basilare da gestire quell'idea con qualsiasi sfumatura, e alla fine inizia a sembrare che Phil stia solo cercando di esaurire le persone a piacerlo.

Devi espellere completamente l'incredulità per accettare che Cate (Alexandra Shipp), la graziosa ragazza all'aria aperta che lavora nel negozio di biciclette locale, non lo chiamerebbe poliziotti alla fine del loro incontro incantato. Sì, questa è una commedia che culmina con qualcuno che inserisce ripetutamente un cavo di alimentazione nel suo telefono fino a quando non raggiunge l'orgasmo in mano, ma ciò non significa che tutta la finezza debba semplicemente uscire dalla finestra; la scena diretta in cui Cate e Phil vanno al loro primo appuntamento insieme fa parte dell'interazione umana non realistica ”; hall of fame, e le battute intorno ad essa non sono abbastanza divertenti da trasformare quell'insetto in una caratteristica. “; Jexi ”; è un lungometraggio che teme di impegnarsi, poiché nessuna delle sue varie scommesse - da un riff di Cyrano de Bergerac a un cameo esteso di Kid Cudi - ha il tempo di svilupparsi.

Ciò che ci rimane è un film benevolo, privo di arte, niente di un film che sembra acciottolato insieme con la stessa mentalità basata sull'app e l'economia dei concerti che Phil sta cercando di rinnegare. Gli interi personaggi sono ordinati à la carte e dimenticati non appena lasciano la vista, come 'Jexi'. corre attraverso la sua storia con l'apatia di qualcuno che scorre in bianco attraverso i loro feed sui social media. Tutto si trasforma in un mite 'c'è un mondo oltre il tuo telefono' messaggio, ma è difficile trasmettere quella morale con un impatto reale in un film che ti fa venire voglia di controllare il tuo feed Twitter ogni 30 secondi.

Grado: C-

'Jexi' ora sta suonando nei cinema.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers