Recensione 'La vita stessa': l'epopea demenziale, interconnessa e morbosa di Dan Fogelman si basa sulla cattiva narrazione - TIFF

Olivia Wilde e Oscar Isaac, 'La vita stessa'



Amazon Studios

'La vita stessa' pensa che tu sia stupido. O, se non stupido, incapace di capire come dovrebbe funzionare un film. È un film fatto per persone alle quali non ci si può fidare di capire qualsiasi narrazione a meno che non sia solo nutrito a cucchiaio, ma messo su, ammucchiato in alto e spiegato tramite montaggio e voiceover. È il tipo di film che include pubblicità per se stesso usando il proprio titolo all'interno del dialogo più volte. Apparentemente, si tratta di narrazione inaffidabile; se non sai di cosa si tratta, 'Life Itself' lo spiegherà tramite monologo 10 minuti dopo aver consegnato una dimostrazione a pugni in azione. Tuttavia, il film utilizza una narrazione inaffidabile come un modo per far passare una narrazione povera come caratteristica, non come un bug.



Ma soprattutto, 'Life Itself' riguarda la morte, con Fogelman che ha cooptato la formula che ha reso la sua serie televisiva 'This Is Us' un tale successo di quattro quadranti: storie tortuose e contorte che poggiano su (1) Chi morirà? Il prossimo; e (2) quanto hai intenzione di piangere su di esso? La morte, o anche la minaccia della morte (nel mondo di Fogelman, forse meglio riferirsi ad essa come la promessa della morte) è il suo grande trucco, ed è l'unico modo in cui 'la vita stessa' è spinta avanti.



Una combinazione malvagia di 'Rashomon' e 'Babele' mette insieme trame apparentemente disparate in un enorme e disordinato quadro della (scusa, deve essere fatta) la vita stessa, una vita che brilla verso il caldo abbraccio della morte. Detto in cinque capitoli di lunghezza misteriosamente irregolare, 'Life Itself' si apre con Will (Oscar Isaac), un uomo che si sente troppo e ama troppo e viene presentato in più tempi, dallo studente universitario vivace al padre in attesa alla rovina, Bob Dylan ubriacone che fa il lirico. La volontà odierna ha perso qualcosa che gli è caro, e mentre la storia si svolge, con Fogelman che tratta le scadenze discordanti come creatività narrativa, diventa chiaro che ha sofferto molto. Soffrirà più presto. Will ha perso sua moglie Abby (Olivia Wilde) e i capitoli successivi esploreranno come è successo e cosa è stato fatto a decine di altre persone oltre a lui. (Spoiler: non ci sono rischi di spoiler in una trama così contorta.)



Una breve deriva viene data al tragico spawn di Will e Abby, Dylan (Olivia Cooke), in un capitolo troncato che ha lo scopo di continuare il crepacuore su vasta scala, ma si distingue principalmente per la scena in cui Dylan prende a pugni una ragazza in faccia e poi gli infila un PB&J in gola. Il terzo e il quarto capitolo del film introducono una famiglia spagnola amorevole e il loro datore di lavoro senza cuore (Antonio Banderas). Tutto ciò porta al crepacuore, al tradimento e a un'intera sequenza progettata per prendere in giro un personaggio minore che non ha guardato in entrambi i modi prima di attraversare la strada, ed è tutto collegato a tutto ciò che è accaduto prima.

I colpi di scena possono essere visti a un miglio di distanza, ma c'è una narrazione che guida tutto e utili flashback che fanno sì che tutto lo sforzo sembri un suo 'dramma visto in precedenza'. Tutto si basa su un capitolo finale che non è altro che un epilogo che dovrebbe far valere le estenuanti due ore prima che in qualche modo valga la pena, ma questa ottimistica coda di 15 secondi non ha possibilità. Mentre è progettato per premiarci dopo la distruzione, il dolore, almeno due incidenti di autobus orribilmente sanguinosi e una sottotrama stranamente sballottata sull'abuso sessuale, questo film è così ossessionato dalla morte che non si è preoccupato di darci alcun motivo prendersi cura dei vivi.

Grado: D

'Life Itself' è stato presentato in anteprima mondiale al TIFF. Amazon Studios uscirà nelle sale il 21 settembre.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers