L'ultima affermazione di Netflix che vuol dire che gli anelli per la trasparenza dei dati sono vuoti

'Quando ci vedono'



Atsushi Nishijima / Netflix

Mesi dopo Netflix ha dichiarato che la società avrebbe iniziato a essere più trasparente riguardo al rilascio dei propri dati di spettatori, il responsabile del servizio di streaming ha confermato che sarebbe stata una buona idea - nel Regno Unito. Può essere.



Il CEO di Netflix, Reed Hastings, ha discusso vari aspetti della sua azienda durante un keynote ad una conferenza della Royal Television Society a Cambridge all'inizio di questo mese, e l'argomento della trasparenza dei dati del servizio di streaming è emerso diverse volte. Come la maggior parte dei servizi di streaming, Netflix non rilascia regolarmente dati di spettatori sui suoi film e programmi televisivi, anche se la società ha ripetutamente promesso che diventerebbe più trasparente.



Hastings ha dichiarato al giornalista e moderatore scozzese Kirsty Wark che Netflix sarebbe aperta a consentire a BARB, che tiene traccia delle valutazioni della televisione nel Regno Unito, di misurare i dati dei visualizzatori di Netflix. Tuttavia, Hastings ha insinuato che la maggior parte dei grandi collezionisti di dati non dispone della tecnologia per misurare l'impegno sui servizi di streaming e ha affermato che la decisione spetterebbe a BARB.

Ci sono molte ragioni per essere scettici su Hastings ’; sostengono, ma in tutta onestà, raccoglitori di dati come Nielsen - i cui dati sulla misurazione del pubblico americano vengono utilizzati per stabilire le tariffe pubblicitarie - sono stati lenti ad adattarsi ai modi in rapida evoluzione che il pubblico consuma la televisione. Diverse settimane fa, Nielsen ha annunciato che le sue misurazioni sarebbero iniziate includendo 'fuori casa'. visualizzazione, ad esempio in ristoranti, hotel e case di altre persone nell'autunno 2020. Questo è un cambiamento positivo che si tradurrà in valutazioni più accurate, ma è anche atteso da tempo.

Già nel 2017 Nielsen aveva dichiarato di disporre della tecnologia per tenere traccia dei dati relativi agli spettatori su servizi di streaming come Netflix, ma Netflix ha smentito senza mezzi termini tale affermazione. Nielsen tiene traccia degli spettatori di Netflix sui televisori, ma non ha la tecnologia per tracciare gli spettatori su altri dispositivi (come i telefoni) e i dati Netflix dell'azienda sono in gran parte ignorati dai giocatori del settore e dalle organizzazioni di notizie.

È difficile accettare Hastings ’; rispondere durante il keynote di Cambridge in buona fede, dato il notoriamente scarso record di Netflix sulla trasparenza dei dati. Il rifiuto del servizio di streaming di rilasciare costantemente i dati relativi agli spettatori è stato a lungo fonte di fastidio nel settore del giornalismo e dell'intrattenimento e la società trattiene abitualmente le metriche del pubblico dai registi e dai protagonisti dei suoi vari progetti.

Hastings ’; I commenti di Cambridge sono arrivati ​​pochi mesi dopo che il COO di Netflix, Ted Sarandos, ha dichiarato che la società sarebbe più trasparente su ciò che le persone guardano nel servizio. Da allora, Netflix ha twittato in modo irregolare i suoi progetti originali che hanno presumibilmente infranto i record di spettatori della società, ma non è una novità.

'Stranger Things' è uno degli spettacoli sostenuti da Netflix, ma i numeri di spettatori verificabili rimangono sconosciuti.

Netflix

Il più vicino che l'azienda ha ottenuto alla trasparenza dei dati proviene dal suo account Twitter nel Regno Unito, che di recente ha iniziato a condividere un elenco settimanale dei suoi contenuti più visualizzati, sebbene non fornisca dati di visualizzazione specifici. Naturalmente, nessuno sarebbe contento anche se Netflix condividesse tali dati perché - come ha osservato Hastings con precisione - sarebbe molto più credibile se una società di terze parti rintracciasse e rilasciasse tali dati.

Una società deve affrontare pro e contro per quanto riguarda la trasparenza dei dati sugli spettatori e Netflix non è il solo a rifiutare di rilasciare i numeri degli spettatori. Nessuno dei principali servizi di streaming rilascia dati sugli spettatori, e sebbene non si sappia se le prossime piattaforme come Disney + e Apple TV + rilasceranno numeri di spettatori, la storia suggerisce che quasi sicuramente vinceranno. La Hulu di proprietà della Disney non condivide i suoi numeri di spettatori e Apple è notoriamente riservata a tutto.

Per le piattaforme televisive tradizionali, i dati relativi agli spettatori sono fondamentali per proteggere le offerte pubblicitarie. Se i dati indicano che più spettatori si stanno sintonizzando su uno spettacolo particolare, le reti saranno in grado di vendere spazi pubblicitari a un prezzo più redditizio. I servizi in abbonamento come Netflix non hanno pubblicità in-show, quindi presumibilmente sono meno incentivati ​​a condividere il numero di spettatori.

botteghino del club dei ragazzi miliardari

Il ronzio dei social media e altri tipi di passaparola possono indicare quando un particolare spettacolo è popolare, ma non con accuratezza credibile. Aziende come Netflix potrebbero voler nascondere i dati da mascherare quando i suoi progetti ad alto budget finiscono per diventare flop commerciali - o per aiutarli a negoziare accordi con i talenti - ma tutto ciò è una congettura. Come i numeri degli spettatori stessi, Netflix è stato cauto nel giustificare la sua segretezza dei dati.

La tendenza dei servizi di streaming che non rilasciano dati sugli spettatori potrebbe finire se la pubblicità diventasse più comune. Secondo quanto riferito, Hulu ha avuto 58 milioni di spettatori supportati dalla pubblicità a partire da maggio, e l'imminente servizio Peacock di NBCUniversal sarà supportato dalla pubblicità (anche se ci sarà un'opzione per pagare un'esperienza senza pubblicità). La versione supportata dalla pubblicità di Hulu diventerà quasi sicuramente più popolare nei prossimi mesi, poiché la versione supportata dalla pubblicità sarà inclusa in un pacchetto Disney + scontato. Se le versioni di servizi di streaming supportate dalla pubblicità decollano, potrebbe incentivare i proprietari dell'azienda a essere più trasparenti sui dati di visualizzazione.

Al di fuori di uno sforzo legislativo, che è estremamente improbabile, le società non saranno più trasparenti sui dati relativi agli spettatori a meno che non vi sia un incentivo economico. In breve, Netflix si impegna a essere più trasparente sui dati di visualizzazione è bello, ma non ci credi finché non li vedi.



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers