Con 'Judy', Renée Zellweger ha un ruolo da Oscar e la narrativa da abbinare

“Judy”



Attrazioni lungo la strada

Tutto ciò che serve per vincere un Oscar è la narrazione avvincente giusta, e il camaleonte Renée Zellweger ne ha una buona. Cresciuta da vecchi genitori europei in Texas, dove eccelleva negli sport prima di scoprire il dramma, ha ottenuto tre nomination all'Oscar e una vittoria. I suoi primi due sono stati per la migliore attrice nella commedia romantica del 2001 'Il diario di Bridget Jones', e nel 2002, per il musical vincente del film 'Chicago'. Al suo terzo round nel 2004, era in ritardo: Zellweger ha portato a casa il miglior supporto Statuetta di attrice per il suo agile contadino della Carolina del Nord in “Cold Mountain”.



Quindici anni dopo, il cinquantenne Zellweger ha una nuova storia da raccontare. Al suo tributo al Telluride Film Festival, si è soffocata mentre guardava le clip della sua vita in immagini, incluso il momento iconico di 'Jerry Maguire' quando l'attrice 26enne ha guardato una stanza piena di amiche a Tom Cruise e professore d'amore disse: 'Mi hai fatto salutare'.



'È come un diario visivo', ha detto il giorno dopo, casual con berretto da baseball, jeans e scarpe da ginnastica. “Tutti i ricordi sono tornati inondando rapidamente, ed è stato travolgente. Ero mortificato perché mi sembra ridicolo essere in qualche modo riconosciuto per essere stato così fortunato. Stavo ricordando i miei amici, i registi sul set, l'ilarità delle lotte per ottenere questi momenti, la difficoltà e la collaborazione. È una vita, non è vero, è una vita! Non mi aspettavo di essere sopraffatto da un'emozione del genere. '

Ora Zellweger sta aggiungendo un nuovo capitolo. Dopo sei anni di pausa dal cinema, è tornata a recitare nel 2016 con 'Bridget Jones’s Baby' ($ 212 milioni in tutto il mondo). Ha interpretato un paio di piccoli ruoli indipendenti e si è divertita a interpretare Anne Montgomery, magnate della tecnologia deliziosamente malvagia, nella soap opera Netflix 'What / If.' 'È stato così divertente, è stata una rivolta', ha detto. “Era il momento migliore, andare al lavoro ogni giorno e dire la cosa che non avresti mai fatto - ma Anne lo farà! Che divertimento, che sogno! Non l'avevo mai fatto prima. '

'Jerry Maguire'

Quest'autunno è tornata alla caccia dei premi con il suo ruolo più succoso in 'Judy'. Basato sulla commedia teatrale di West End-Broadway 'End of the Rainbow', il film di Rupert Goold si concentra sugli ultimi concerti di Judy Garland a Londra nelle settimane precedenti la tragica morte del crooner per overdose nel 1969. Aveva 47 anni. Il film cavalca i rigonfiamenti emotivi di Garland mentre lotta con le sue dipendenze per tutta la vita, essendo separata dai suoi due figli più piccoli, e il suo turbolento matrimonio finale con il giovane Mickey Deans (Finn Wittrock). Zellweger incanala la fragile, ghirlanda magra, acciuffata della Ghirlanda, eseguendo dal vivo sei delle sue canzoni, da 'The Trolley Song' e 'You Made Me Love You' a un devastante 'Over the Rainbow'.

“; Judy ”; ha raccolto un'enorme risposta a Toronto per Zellweger, che si sta dirigendo verso le inevitabili nomination ai SAG, ai Golden Globe e agli Oscar. La sua narrativa di ritorno, combinata con l'irresistibile libro di canzoni di Garland, sarà un successo per gli elettori. Zellweger, come la stessa Garland, sta suscitando ammirazione e simpatia.

Ciò che Zellweger fa con Garland è straordinario. Evoca un'iconica figura di Hollywood ma non scompare dentro di lei. Rimane se stessa, trovando sia la vulnerabilità che la forza all'interno di questo artista guidato. La regista Goold e il suo gruppo di capelli, trucco e costumi hanno accatastato lo sguardo di Garland su Zellweger, tra cui ciglia e denti falsi, nonché una parrucca marrone scuro e contatti per coprire i suoi occhi e capelli chiari. Quindi, tornarono indietro a elementi essenziali nudi.

'Ha estratto e minimizzato', ha detto Zellweger. 'Non voleva sparare alla poltrona da trucco, facendo costantemente manutenzione e preoccupandosi di distrarre le persone con ciò che sembrava falso. Sentiva che più facevamo, meno autentica sarebbe. Guarderemmo artificio invece di qualcosa collegato all'emozione. '(Al suo tributo, Goold ha detto:' Con l'aspetto, la voce, l'eccezionale teatralità, come tutti i grandi attori, più è diventata, e più il ruolo che ha assunto, più ho sentito che stavo vedendo qualcosa di se stessa, della sua anima ”.)

Nel 2010, Zellweger si è trasferito in una casa rurale nel nord-est per stare con amici e familiari. Ha anche studiato all'UCLA, viaggiato e scritto un pilota televisivo a vita. ('Non posso essere ozioso', ha detto. 'Sono la figlia di mio padre svizzero'.) Ma dopo una decina di anni di lavoro, ha detto che aveva bisogno di ricordare a se stessa chi era veramente.

'Nel processo, non riconosci ciò che cade sul ciglio della strada o il pedaggio che richiede fisicamente', ha detto. “Non l'ho mai riconosciuto. Ne ho guardato la grande gioia, le collaborazioni creative. Sembravano carburante. Pensi di riempire la tua anima senza esaurirla, quando in realtà non puoi averne una senza l'altra, fino a quando c'è stato un bel po 'di caos che puoi solo mascherare per così tanto tempo. Ho scelto di smettere di farlo. Sono stato molto fortunato ad avere un sistema di supporto attorno a me in grado di dire: 'Dove sei andato'> critiche implacabili del suo aspetto, tra le speculazioni che la chirurgia plastica avrebbe dato la colpa alla sua assenza. Non è tornata al lavoro fino al 'Diario di Bridget Jones'.

documentario sulla fiera della scienza

Renée Zellweger in 'What / If'

Erik Voake / Netflix

'Non so che è solo Hollywood', ha detto. “L'umorismo si evolve e l'intrattenimento si evolve di generazione in generazione. Se guardi indietro ai fumetti che ci hanno fatto ridere negli anni '40, non è lo stesso di oggi o cinque anni fa. Si evolve rapidamente. Abbiamo attraversato un momento in cui lo snark è stato divertente e divertente, senza conseguenze, soprattutto ora con l'anonimato al computer. Puoi iniettare il caos nella vita di una persona attraverso il ridicolo, per lo sport, senza conseguenze per te stesso e nessuna responsabilità, nessuna cura davvero, perché perché dovresti essere consapevole dell'effetto delle tue azioni '>

Per ora, cita Katharine Hepburn: “; Non mi interessa cosa è scritto su di me finché non è vero. ”;

Quindi, quando è arrivato il momento per Zellweger di scavare in Judy Garland, che è stata criticata fin da piccola dal magnate della MGM Louis B. Mayer, che ha controllato la sua vita, le ha proibito di mangiare e le ha dato le pillole dimagranti, il l'attrice aveva molto da cui attingere, personalmente e professionalmente.

Anche se Zellweger non si è mai allenata come musicista, ha convinto tutte le sue braciole di Broadway come omicide Roxie Hart nel 'Chicago' di Rob Marshall. 'Sono sempre stata attratta dai musical', ha detto. 'Non ho mai fatto musical, è stato solo perché Rob Marshall ha pensato che fosse possibile che pensassi di provare.'

Quando il regista l'ha invitata per la prima volta a cena a New York, 'alla fine, tutti condividevano melodie diverse', ha detto. “Ci stava facendo cantare. Era solo per divertimento a una cena. Non mi è venuto in mente - duh! - che mi stava audendo in uno stand a New York. Ci ha fatto cantare 'Over the Rainbow'. '

Ha ottenuto la parte e in seguito è stata arruolata per un mese nel campo di addestramento 'Chicago' di Marshall in un magazzino di Toronto trasformato in un palcoscenico improvvisato. Zellweger si alternò tra le prove di canto nella sala del piano posteriore e la principale area di ballo. 'È stato compresso, molto più veloce di questa esperienza', ha detto. 'È volato, ho imparato le canzoni e ho lavorato.'

A differenza di 'Judy', i numeri di 'Chicago' sono stati preregistrati. 'Una coreografia così complicata', ricorda. 'Quando entrambi raggiungono la pistola, non c'è spazio per un momento di improvvisazione, non puoi tenere la nota un po 'più a lungo oggi:' Ho 20 attori e attori con i bungies. Devi ricominciare perché non taglierà. ''

Con 'Judy' aveva molti più preparativi; ha anche avuto il vantaggio di interpretare un artista che era ben oltre il suo apice. Zellweger è stato colpito da qualcosa che Bono ha detto nel documentario 'Pavarotti', esprimendo la sua frustrazione per il regista Ron Howard. 'Quando Bono viene intervistato, è esasperato:' Non capisci affatto il canto, non lo capisci. Ora sa cantare le canzoni, perché adesso ha vissuto le canzoni. Ora si collega al dolore e alla vita scritta nelle canzoni. Ora è quando vedi la magia del suo dono, non quando è stato perfetto. '

Renee Zellweger in 'Judy'

Attrazioni lungo la strada

Allo stesso modo, cantare proprio come Garland non era l'obiettivo. “C'era liberazione in questo. Ho riconosciuto nelle interviste il dolore che stava mascherando, sicuramente, e l'umorismo. Ho cantato le canzoni per il personaggio, comprendendo anche ciò che Rupert voleva: voleva l'umanità, non la sua perfezione. 'Detto questo,' Cantare dal vivo ogni canzone era difficile, spaventoso. Avevamo un programma piuttosto rapido per ottenere tutto '.

Zellweger è diverso dalla Garland in un modo profondo. È sempre professionale. 'Adoro andare a lavorare', ha detto. 'Non lo dò per scontato. È una cosa speciale che dobbiamo fare, non voglio mai essere blasé per questo. '

E come ogni artista, Zellweger assorbe l'amore quando arriva - a Telluride, quando i partecipanti venivano da lei a cena per farsi fotografare ('è stato un momento meraviglioso, molto bello') o a Toronto, quando piangeva l'effettiva standing ovation di tre minuti.

Ci si dovrà abituare.

Zellweger affronterà alcune competizioni per l'Oscar, tra cui la mai nominata star di “Marriage Story” Scarlett Johansson come attrice che ha divorziato dal marito regista, “Harriet”, con l'attrice e cantante britannica emergente Cynthia Erivo nel ruolo dell'eroica ex schiava trasformata abolizionista Harriet Tubman, nominato una volta Alfre Woodard come guardiano della prigione in 'Clemency', il premio Oscar Lupita Nyong'o nell'ultimo thriller horror di Jordan Peele, 'Us', e Awkwafina, star di successo del successo dell'anno di Sundance, Lulu Wang's Dramedy famiglia di lingua mandarino 'The Farewell'.

Altri film con promettenti attrici contendenti devono ancora arrivare, tra cui il candidato all'Oscar “Lady Bird” Saoirse Ronan in “Piccole donne” di Greta Gerwig (25 dicembre, Sony), e i vincitori dell'Oscar Charlize Theron nel film drammatico di Roger Ailes di Jay Roach “Bombshell” (20 dicembre, Lionsgate) e Jennifer Hudson nel ruolo di Grizabella nel musical “Cats” di Tom Hooper (20 dicembre, Universal).



Articoli Più

Categoria

Revisione

Caratteristiche

Notizia

Televisione

Kit Di Strumenti

Film

Festival

Recensioni

Premi

Botteghino

Interviste

Cliccabili

Elenchi

Videogiochi

Podcast

Contenuto Del Marchio

Premiazione Della Stagione Dei Premi

Camion Del Film

Influencers